dormienti. ECCO LA PARCELLA LESSONA

Il parere dello studio Lessona ha impegnato per oltre due mesi i Comune nella sospensione dei lavori di valutazione del Regolamento Sa di Pm, anche se è giudicato di “complessità bassa”: serviva chiederlo all’esterno se era facile? Che dice il Segretario generale a scavalco D’Amico? 

 

Ferdinando Betti, un sindaco preveggente o cos’altro’?

MONTALE – AGLIANA. Il parere è stato ritenuto necessario dal Rynocommissario che informò la commissione congiunta della sua disponibilità in “tre giorni”; il tempo necessario al consulente legale dei Comuni associati, cioè la segretaria generale D’Amico (di seguito Dony) per elaborarlo.

Era il 9 ottobre e il parere rientrò dopo un mese circa con una gestazione di oltre due mesi per la ripresentazione del documento, poi approvato il 21 Dicembre a Montale e ancora in attesa di una qualificazione della Giunta regionale toscana.

Sulla parcella dello studio Lessona, la numero 177-s del 20.12.2018 quello che rileva, non è però l’importo della – comunque inutile – spesa che comunque inciderà ulteriormente sul passivo comunale (ovvero “paga-pantalone”).

Dony sei incantata o dormi. O cos’altro?

Dall’esame del documento si apprendono due cose: la prima è la capacità di preveggenza del Sindaco (di seguito Ferdy) che fece una determinazione di spesa (la 190/2017, del Comune di Montale) un anno e mezzo prima dell’incarico al professionista fiorentino; l’altra è che la consulenza poteva essere evitata, gestendo la questione correttamente “in casa” e cioè facendo trattare la consulenza alla figura istituzionalmente preposta alle competenze giuridico-legale dell’Ente: cioè sempre la Dony.

Dony, ci ricorda sempre più la Bella addormentata: non si è affatto applicata nell’espletamento dell’attività per la quale è profumatamente pagata (son più di 100.000 euro, con i rimborsi) e ha esternalizzato la valutazione di rispetto e conformità normativa a un professionista esterno su una determina di oltre un anno precedente.

Il compenso annuale del Segretario Generale comprende anche i pareri legali: si o no?

La parcella è però stata negata al Consigliere Benesperi, che la richiese in Dicembre con un pretesto formale: “…l’hanno pagata a Montale, noi non ce la abbiamo”.

Ma come: l’Unità operativa di Ragioneria non è associata? La capofila non è il Comune di Agliana sotto la dirigenza della Tizzy (Bellini) e gli Affari Generali, non sanno niente? Che ci dice la Tizzy? Controlla o non controlla? Paga e sta zitta? È sempre oberata dai bilanci?

La specificazione di “complessità bassa” riporata nel documento fiscale Lessona

Dunque, viene da chiederci ancora: nei centomila euro di stipendio della Dony, non sono incluse queste attività che peraltro, interessano i due Comuni congiunti promotori del famigeratissimo Regolamento Sa di Pm dal quale è partita la vicenda?

Quello che rileva è – a nostro parere – la specificazione “complessità bassa” delle attività, come specificamente classificate proprio dallo studio Lessona nella parcella medesima.

La definizione è chiara: “bassa” vuol dire scarsa difficoltà, ovvero semplicità.

Insomma il consulente giuridico del Comune, non dà consulenze: nemmeno se sono richiesti dei pareri semplici. E dunque che lo teniamo a fare?

E allora come giustificano i Sindaci queste spese che diventano comunque un affronto al cittadino “tassato e associato”, in modo subdolo e menzognero (Ryno non parlò di Lessona ma, ovviamente della Dony nella commissione congiunta d’Ottobre!). What else?

Agliana e Montale, due paesi delle fiabe con – per l’appunto – personaggi fiabeschi altrove inverosimili: la Bella addormentata nel bosco gli mancava.

Nevvero?

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “dormienti. ECCO LA PARCELLA LESSONA

Lascia un commento