È NATA “PISTOIA POSSIBILE”

Uno spazio per il dialogo interno alla sinistra italiana, ai partiti, ai movimenti. La prossima iniziativa lunedì 17 novembre a Agliana
La presentazione dell'associazione Possibile Pistoia
La presentazione di Pistoia Possibile

PISTOIA. [a.b.] In una conferenza stampa svoltasi stamani alla Caffetteria del Museo Marino Marini a Pistoia è stata presentata ufficialmente l’associazione “Pistoia Possibile”.

I tre coordinatori Guido Del Fante (ex segretario comunale del Pd di Agliana – n.d.r.), Monica Rosini e Simona Selene Scatizzi nel presentare l’associazione hanno ribadito la volontà di “creare uno spazio aperto” dove sarà ospitato il dialogo interno alla sinistra italiana, ai partiti, ai movimenti ma anche tra i singoli cittadini “che cercano un luogo in cui discutere e impegnarsi, dove parlare di temi, fare proposte, sviluppare idee di interesse locale, regionale e nazionale”.

“Non ci saranno tessere, né cariche dirigenziali – hanno dichiarato all’unisono – ma un porta tessere, a rappresentare simbolicamente che tutti hanno lo stesso valore e la possibilità di portare il proprio contributo in merito ad obbiettivi comuni ed in uno spirito di collaborazione”.

Al progetto “Pistoia Possibile” ha aderito anche Lucia Salaris, consigliere comunale di Agliana che ha dichiarato di “voler costruire con questa associazione uno spazio per coloro che una casa politica non ce l’hanno e per coloro che oggi non si sentono più a casa propria nei partiti esistenti”. I coordinatori durante la conferenza stampa hanno ribadito che l’associazione “nasce a seguito del PolitiCamp di Pippo Civati di luglio 2014 come una realtà che durerà nel tempo”.

“Molti di noi, ovviamente – è stato detto – non hanno digerito la ricandidatura automatica di Rossi a governatore della Regione Toscana senza una sana discussione all’interno degli organismi di partito ed un giudizio sul suo operato. Si sono attivati moltissimi contatti in queste settimane per trovare un candidato alternativo a Rossi, da sottoporre a Primarie, cancellate anche per i consiglieri dalla nuova legge elettorale regionale”. “Sarà possibile rimanere in contatto ed essere informati – concludono i coordinatori – lasciando i propri dati sul sito http://www.epossibile.org”.

Le prossime iniziative saranno incentrate su argomenti di grande interesse ed attualità come l’ aeroporto e il decreto Sblocca Italia. Se ne parlerà lunedì 17 novembre alla caffetteria il Moderno di Agliana, alle ore 21. Nelle settimane successive ci saranno iniziative su lavoro e legge elettorale toscana.

“Il nostro augurio è che tante cittadine e cittadini aderiscano e partecipino a questo bellissimo progetto collettivo che mira a coinvolgere tutti in una comunità”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “È NATA “PISTOIA POSSIBILE”

  1. Vorrei che questo mio commento fosse letto con molto sarcasmo.
    2012-Pistoia Futura, 2014-Pistoia Domani, 2014-Pistoia Possibile… Tra poco nascerà anche ” Pistoia nunn’ha più voglia” (detta alla pistoiese). 🙂
    La cosa singolare che mi ha colpito nell’articolo su Pistoia Possibile è quando viene dichiarato “questa associazione è uno spazio per coloro che una casa politica non ce l’hanno e per coloro che oggi non si sentono più a casa propria nei partiti esistenti”. Leggendo sembrerebbe che le porte siano aperte a qualsiasi cittadino con qualsiasi idea politica ma ai vertici dell’associazione, già autodesignatosi come coordinatori (che democrazia!), ci sono persone politiche ancora attive e ben radicate nella storia del Csx-PD. Altrettanto signolare mi è apparso il passaggio in cui dopo l’invito a “quelle persone che una casa politica non ce l’hanno” dichiarano in aperta contraddizione con quello poco prima detto “dove sarà ospitato il dialogo interno alla sinistra italiana”…
    Ma fatemi capire 🙂 … ho letto male l’articolo? Penso di no…e allora?
    Ancora una volta belle parole ma nei fatti è la solita minestra riscaldata di una sinistra sempre più sfaldata e priva di identità che cerca non sa nemmeno lei cosa.
    Comunque rilevo con piacere che il modello di democrazia diretta proposto dal M5S piace a molti e che sempre più spesso anche i partiti e nuove realtà ricalcano il nostro operato. Un motivo evidentemente ci sarà. Cordiali saluti.

Lascia un commento