È PASQUA, POERANNÓI!

Turlupinati, presi a calci nel sedere e derisi proprio da chi dovrebbe difenderci in nome della “Costituzione”

The passionÈ PASQUA, POERANNÓI! Pasqua anche quest’anno di disgrazia 2015. E ci tocca fare gli auguri a tutti. Ma il miglior augurio, forse, sarebbe che Dio, svegliatosi all’improvviso, o ci mandasse un diluvio universale, come quello della Bibbia – ma, ancor prima, del poema di Gilgameš – o ci regalasse i fulmini che scagliò su Sodoma e Gomorra.

Ecco il pessimista irriducibile, diranno i Pd di buona speranza, ma anche i loro compagni speculari: i destristi ottimisti.

Non è così: i pessimisti, come diceva la barzelletta, sono gli ottimisti che hanno una visione migliore e più realistica del mondo.

Tutto quello che leggiamo è sostanzialmente impregnato di idiozia. Da una parte ci sono turisti record a Pistoia, da un’altra, mai come quest’anno il turismo va male. Oppure (che ganzo quel piro di Renzi!) l’economia è in ripresa: da un’altra (e la realtà è questa) pensate alla cartiera Carrara di San Felice e vedrete in faccia la verità.

Una spesa, per un sol giorno, alla Coop di Agliana (ma non più, direbbe Fantozzi, di quattro cagate) è costata, ieri 3 aprile, 49 euro e 60 centesimi: ma il Bomba con l’80ina che ne regala a qualcuno dei cittadini (in base all’uguaglianza!) ha salvato l’Italia. Con 80 euro si campa una settimana, se si mangiano quattro foglie d’insalata al giorno, un pomodoro e una mela.

Poi ci sono i montanini che scrivono a Mattarella per sensibilizzarlo sui problemi dell’Appennino. Poveretti: non si sono accorti che il Professore (è della genìa di Monti e della Fornero…), dopo aver detto che il Parlamento era illecito in quanto anticostituzionale, s’è fatto eleggere Presidente da quello stesso Parlamento, e s’è ritirato in Quirinale come un Papa: e al popolo, cacca!

Il nostro Balli parla della processione di Gesù Morto a Quarrata – e auspica che qualcosa cambi ché altrimenti questa tradizione si perderà.

E l’Italia riprese a viaggiare come unta!
E l’Italia riprese a viaggiare come unta!

S’è già persa, credo, sin da quando negli anni della contestazione (Vescovo Mario Longo Dorni) ci fu – abortita – una contestazione che voleva far saltare la rievocazione: abortita, ho scritto, perché tra carabinieri e magistrati, fecero paura, sì che non ci fossero blitz dirompenti ed eclatanti. Ma forse anche perché c’era ancora una briciola di educazione che salvò capra e cavoli. Ma oggi ce n’è…?

L’unica cosa possibile è rammentare una famosa frase di un filosofo che Samuele Bertinelli non conosce, perché, come Socrate, quel maestro non lasciò alcuna opera scritta: «Ma cosa vuoi sapere, tu? Ci prendono tutti per il culo!», detto con una bella erre francese perché quell’anarchico era nato in Francia.

Non era Bakunin o chi altro. Si chiamava semplicemente Luciano Michelozzi: un genialoide indefinibile sotto ogni profilo. Ma che ci picchiava per buonsenso.

È Pasqua, poerannói! Ci tocca fare gli auguri. Ma perché? Perché tutti i poteri dello Stato e della democrazia ci pigliano per il culo ed è obbligo essere ottimisti?

Bah… Ditelo voi perché!

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “È PASQUA, POERANNÓI!

  1. A chi potremmo fare un’augurio di tutto cuore, a coloro che non sanno, che non vogliono sapere, che demandano, che votano chi? Che tutti i giorni persone semplici che non sanno come mettere insieme il pranzo con la cena, alle caritas sempre piu’ piene di persone di quasi tutti gli strati sociali, a tutti quelli perseguitati dal fisco per mantenere i carrozzoni di publiacqua, publiambiente, e chi piu’ pubbli ha piu’ ne metta, ad una massa di raccomandati fannulloni vagabondi e incapaci che rubano stipendi faraonici alla faccia dei cittadini che muoiono di fame, al gran duca di toscana, quello che non si e’ accorto della sparizione di 4 o 6 cento milioni di euro durante la sua disastrosa esperienza di assessore alla sanita’ toscana, infatti e’ stato fatto sgovernatore….. al loro caro bertinelli incapace sindaco di pistoia che spende soldi per fare piste ciclabili che sono piu’ pericolose che viaggiare contromano in autostrada, il sindaco che in campagna elettorale voleva fortemente la partecipazione dei cittadini per prendere decisioni importanti per questa povera citta’ martoriata che sembra bombardata, ogni strada e’ piena di buche e dossi e cacche di cani, e non per ultimo al sindaco pd di agliana , che siccome sono trasparenti e lavorano per il bene dei cittadini, e hanno a cuore le sorti dei cittadini, si pensa bene di buttarli fuori dai consigli comunali per lavare i panni sporchi in casa, a pensare male si fa peccato diceva il gobbo di Roma ma ogni tanto ci si beccava, non vorrei che sotto sotto questi personaggi del pd provenissero da una cultura un pochino fascista oppure sono marci a prescindere? Ai posteri l’ardua sentenza. E poi ci pisciano in testa e ci dicono che sta piovendo. Auguri a tutti di una buona? Pasqua, io spero che a qualcuno gli vada di traverso la colomba, e che una volta trasportato in un ospedale della toscana, gli dicessero, ci spiace ma non abbiamo posti liberi…….. da un vostro affezionato lettore Salvatore Maiorano, PS: invece un augurio sincero e di cuore a tutta la redazione di Lineefuture che sia sempre una spina nel fianco delle istituzioni e di questi pseudo politicanti.

Lascia un commento