EDITORIA E LINGUA ITALIANA ALLA SCUOLA POPOLARE

Verranno illustrati progetti come quello dei “Presìdi del libro”, volto a promuovere l’educazione alla lettura, o l’attività dell’Accademia per la difesa del congiuntivo

Accademia della CruscaPISTOIA. Un incontro per esaminare lo stato attuale dell’editoria italiana e per discutere insieme sulle trasformazioni lessicali e sintattiche che negli ultimi tempi hanno interessato e condizionato la nostra lingua e il nostro modo di esprimerci.

Si terrà questo giovedì 22 ottobre alle 21 nell’Aula magna del Conservatorio di San Giovanni Battista (corso Gramsci 37) il terzo appuntamento della nuova stagione della Scuola Popolare di Pistoia.

La serata, dal titolo “In principio era la parola: racconti di passione grammaticale, letteraria e libraria”, intende proporre numerosi spunti di riflessione sui variegati aspetti della lingua e dell’editoria italiane, dal “caso Laterza” alla crisi del mercato del libro, dall’italiano della comunicazione e dei media alla “strage dei congiuntivi”.

Verranno illustrati, resi noti e sottoposti all’attenzione e al giudizio critico del pubblico progetti come quello dei “Presìdi del libro”, volto a promuovere l’educazione alla lettura, o l’attività dell’Accademia per la difesa del congiuntivo, da anni impegnata, in collaborazione con la Crusca fiorentina, ad arginare quei sempre più ricorrenti fenomeni di impoverimento sintattico e lessicale della nostra lingua, nell’utilizzo immoderato degli anglicismi e di un linguaggio fin troppo convenzionale.

Sarà annunciato, infine, l’intento dell’Associazione “Amici di Groppoli” di aderire al programma internazionale di diffusione libera e gratuita della cultura denominato “Liberi libri”, attraverso la costituzione di una piccola biblioteca aperta a tutti, con opere di narrativa e saggistica da portarsi a casa senza pagare alcunché.

In conformità con lo spirito informale, non accademico e partecipativo della Scuola Popolare, tutti i partecipanti sono invitati a dare vita e a stimolare la conversazione con riflessioni, opinioni e proposte di approfondimento.

L’ingresso è libero e gratuito. Programma della serata del 22 ottobre, inizio alle 21:

  • Andrea Capecchi (docente di storia e letteratura), intervento su “In principio era… l’attimino: come cambia la lingua italiana nell’era digitale”.
  • Gian Piero Ballotti (presidente dell’associazione culturale “Amici di Groppoli”), intervento su “Racconti di passione grammaticale, letteraria e libraria”.

Conversazione collegiale. Conclusioni. Per tutte le informazioni rivolgersi alla segreteria dell’associazione “Amici di Groppoli” c/o studio legale Ballotti, corso Gramsci 46. Telefono 057323748. Email: gianpieroballotti@virgilio.it. Pagina Facebook: Gian Piero Ballotti.

[ballotti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento