elezioni. BOJOLA: «DEFIBRILLATORI SALVA VITA DISLOCATI IN CITTÀ E NELLE PERIFERIE»

Defibrillatore

PISTOIA. Parlando con alcuni operatori socio-sanitari, Iacopo Bojola, candidato nella lista FI-Centristi per l’Europa, ha dichiarato: “I candidati a sindaco hanno il compito di delineare quelli che saranno gli obiettivi di carattere generale che caratterizzeranno il loro operato, nel contempo i consiglieri hanno l’obbligo/dovere di dettagliare ulteriormente, apportando il loro contributo.

“Per quanto mi concerne, considerato che mi sono già occupato dell’argomento, se mi sarà data l’opportunità di fare il Consigliere Comunale, mi adopererò affinché anche a Pistoia, così come avviene in molte città del nord (penso a Bergamo, Como, ma anche  centri turistici minori, come Camogli) siano installati, nei punti di maggior affluenza, dei defibrillatori,  che siano facilmente accessibili, allocati in appositi contenitori.

“Questi presidi “salva vita” sono indispensabili, ma se collocati all’interno di edifici – pubblici o privati – non sempre sono tempestivamente fruibili.

“A Pistoia, esclusi alcuni edifici, come il Duomo, sono in dotazione  ai mezzi di soccorso, ma finché questi non raggiungono il paziente, si perdono minuti preziosi. Inoltre – ha aggiunto Bojola – questi hanno anche una valenza dal punto di vista turistico, infatti i luoghi in cui insistono questi presidi sanitari, possono avere una maggiore attrattiva, in quanto infondono tranquillità e danno un’immagine di efficienza.

“In fine – conclude Bojola – questi apparecchi non hanno costi improponibili, anzi sono molto meno costosi degli Autovelox e delle Colonnine Arancioni che già costellano le principali arterie della città”.

[bojola – comunicato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento