emergenza covid. ORDINANZA DI GIANI PER L’UTILIZZO DEI POSTI LETTO DELLE STRUTTURE PRIVATE

Ci potrà essere una ulteriore disponibilità di 400-500 posti letto per i pazienti di tutta la Toscana, in particolare nell’area dell’Asl Toscana Centro

Eugenio Giani

FIRENZE. Potenziare  il più possibile la capacità di risposta all’emergenza Covid anche attraverso l’utilizzo delle strutture sanitarie private. È questo il senso dell’ordinanza firmata ieri 5 novembre, dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani. In virtù di questo provvedimento le aziende sanitarie potranno avere a disposizione  ulteriori posti letto per il ricovero di pazienti Covid. 

Secondo quanto stabilisce l’ordinanza, spetterà alle Aziende Sanitarie Locali, nell’ambito del territorio di propria competenza, individuare le strutture private, accreditate e non, il personale sanitario, i locali e le apparecchiature delle stesse e procedere, sulla base di tale individuazione, alla relativa richiesta di messa a disposizione.

Le strutture interessate saranno ristorate con la corresponsione di un equo indennizzo o attraverso la stipula di contratti.

“La disponibilità di posti letto aggiuntivi nelle strutture private —commenta il presidente Eugenio Giani — ci permetterà di poter gestire  nelle varie aree della regione l’eventuale incremento di ricoveri. Sarà quindi un sostegno importante in questa fase delicata e anche un segno tangibile del coinvolgimento di tutto il sistema regionale per fronteggiare l’emergenza.

“Questa nuova ordinanza — spiega l’assessore alla sanità Simone Bezzini — che è anche il frutto di un confronto costruttivo con la sanità privata, produrrà una ulteriore disponibilità di 400-500 posti letto che potranno essere utilizzati per i pazienti di tutta la Toscana, in particolare nell’area dell’Asl Centro”.

[orlandi – toscana notizie]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email