emergenze&connivenze. LE DICHIARAZIONI HOT DI CARLA BRESCHI

A molti lettori non è sfuggita la clip audio dell’intervento della consigliera linkato in un nostro articolo. Accuse di silenzi complici per tutti, magistratura compresa
Il basso profilo danneggia i cittadini

La dottoressa Carla Breschi

 

PISTOIA. L’articolo in cui compariva Carla Breschi e che si è guadagnato 796 condivisioni, ha avuto un inatteso successo, anche considerando che la dottoressa, che parla di “emergenza sanitaria”, non rivela niente di inaudito nella nostra sciagurata Piana.

Lo stesso presidente dell’Ordine dei Medici, Egisto Bagnoni, a tempo e luogo sollecitò la signora Paola Gelli a “salire le scale” (con tutto il Comitato Antinceneritorista) alla Procura della Repubblica di Pistoia: era l’ottobre del 2017, sono passati due anni.

Nell’articolo della Breschi in questione, c’è però un dettaglio, racchiuso in una clip audio, registrata il 17 giugno durante la sessione del Consiglio Comunale di Pistoia. La consigliera pistoiese (ora in gruppo misto, profuga dal Pd) fa una dichiarazione notevole, peraltro facilmente comprensibile nella velata indignazione che l’accompagna: “… la questione morale… la connivenza della magistratura…” (parole precise).

La discarica del Cassero

Sì, avete letto bene: connivenza, cioè prestare tacito consenso o tolleranza di azione scorretta o colpevole; insieme – probabilmente – alla generalità dei medici che stanno nelle “direzioni sanitarie a pensare” e dunque, a rinviare, come diceva il conte zio di manzoniana memoria: Sopire… troncare, troncare … sopire.

Sembra essere questa l’intenzione direttiva del Pd, sulla politica ambientale, bene esercitato grazie al suo apparato di uomini inquadrati negli organigrammi degli organismi di controllo. Del resto, che la magistratura pistoiese mantenga sull’argomento un – per eufemismo – «basso profilo», è noto e certificato sin dai tempi del procuratore Renzo Dell’Anno.

L’inceneritore di Montale

Anche in Regione e nel Dipartimento prevenzione – dice sempre la Breschi – sono deludenti e reticenti rispetto alla necessaria esigenza di attuare delle politiche di autentico cambio di verso per la realizzazione di una vera protezione ambientale.

Ma quand’è che i controllori, tutti, inizieranno a controllare davvero? Salvare vite umane non significa solo Carola Rackete e Open Arms, Boldrini e Leu, Fratoianni e Emma Bonino: vuol dire, prima di tutto, applicare la legge come dio comanda, e non girare la testa dall’altra parte mentre a Casalguidi (discarica del Cassero) e nella Piana (inceneritore di Montale) la gente si ammala – e muore – con sempre maggiore frequenza.

Edoardo Bianchini
[direttore@linealibera.info]
Terra dei fuochi è ovunque
specie dove si tengono bassi profili


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “emergenze&connivenze. LE DICHIARAZIONI HOT DI CARLA BRESCHI

Comments are closed.