emozioni. IN “SANTA CATERINA” LA MUSICA DI ROTA 

L’orchestra mista di archi e fiati
PISTOIA. L’ingresso in un carcere è sempre un potente evento emotivo per chi è (ancora), come chi scrive, novizio alla reclusione: le porte blindate automatiche e le pesanti chiavi evocano sensazioni di angoscia, un poco stemperata nei saluti, misti a qualche sorriso con i reclusi e delle necessarie battute di circostanza con le premurose guardie che si dimostreranno inflessibili nella procedura di accoglienza: per prima cosa sottraggono il cellulare (una esperienza anche questa!) non appena usciti dal deambulo blindato della guardiola d’ingresso. Epperò che durante l’intero concerto (evviva il regolamento carcerario!), nessuno squillo ha disturbato
Veduta della palestra adibita a teatro

l’ascolto delle ricche musiche di Nino Rota.

Dopo una cinquantina di metri di percorsi in sezioni blindate, si arriva nell’improvvisato teatro predisposto nella palestra dove il gruppo di giovani musicisti si sono associati per un evento di grande piacevolezza e suggestione che ha anche avuto momenti pedagogici nei confronti della platea, composta da una trentina di reclusi di diverse nazionalità, età ed esperienze, appunto, musicali.

Il flautista suona uno strumento d’oro massiccio

I musicisti hanno introdotto l’esecuzione con una preliminare presentazione degli strumenti presenti in due sezioni, ad arco e fiato, rompendo il tradizionale aplomb dei professori d’orchestra e configurando così, la più insolita versione d’orchestra smart, senza pregiudizio alcuno per la qualità dell’esecuzione molto distinta nonostante la breve consociazione.

L’ensemble dei musici ha eseguito in modo davvero encomiabile il Nonetto (dal numero dei nove strumenti impegnati) di Nino Rota riscuotendo applausi sostenuti e facilitando la conoscenza degli strumenti singolarmente presentati alla platea, costituita in quota del 40% dell’intera popolazione carceraria.

Il Prefetto Ciuni si complimenta per l’approccio informale tenuto dagli orchestrali

Sollecitata a fare le loro domande che non sono mancate, hanno espresso – divenendo comprensibile la discriminazione dei cinque fiati – il loro apprezzamento per i violini e le violiniste, non solo brave, ma anche carine.

Anche il Prefetto Ciuni, presente allo spettacolo ha sottolineato con soddisfazione la bravura dei musicisti, rimarcando positivamente l’insolito e felice approccio confidenziale con la platea, certamente coinvolta e pronta alla partecipazione del prossimo concerto programmato per il 1 Maggio.

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento