empoli. SPEED CHECK DISTRUTTI, L’AMAREZZA DEL SINDACO

Alcuni degli autovelox distrutti

EMPOLI. «Ci troviamo di fronte a gesti di inciviltà talmente gravi da essere incomprensibili nella loro demenzialità. Danneggiare i beni pubblici è qualcosa di talmente lontano e opposto dal nostro modo di pensare e fare il bene della città che non riusciamo nemmeno a capacitarci delle motivazioni che portano qualcuno a distruggere un oggetto acquistato col denaro dei cittadini».

Così il sindaco Brenda Barnini interviene esprimendo disapprovazione e condanna verso gli ignoti che hanno distrutto in queste ultime settimane alcuni dispositivi speed check recentemente installati in quattro strade del territorio comunale.

«Sono episodi che offendono la città e il senso civico di tutti i gli empolesi – prosegue Brenda Barnini – L’amarezza di fronte a tale e tanta inciviltà è incontenibile. Tutto l’impegno che mettiamo per cercare di dare risposte ai cittadini e in questo caso per riuscire a migliorare la sicurezza delle nostre strade viene rovinato per colpa di vandali irresponsabili. Dobbiamo tutti lavorare molto per cambiare la nostra città, ma non ce la faremo mai se a prevalere sarà la maleducazione di pochi».

Il sindaco Brenda Barnini

«Gli speed check arancioni – spiega – sono a servizio dei cittadini, della loro sicurezza. Erano stati installati dopo un confronto con i residenti delle zone interessate che li richiedevano da tempo. Non c’era e non c’è nessun intento di fare cassa da parte dell’amministrazione comunale con le eventuali contravvenzioni, che sarebbero comunque avvenute per infrazioni al codice della strada.

«Per il nostro Comune rappresentavano una novità necessaria per dare un segnale a tutti coloro che su alcune strade di Empoli guidano a velocità sinceramente inaccettabili, pericolose per loro e per gli altri. Queste postazioni – prosegue il sindaco – agiscono soprattutto sul versante della prevenzione e quindi della sicurezza stradale, grazie alla loro visibilità sia di giorno sia di notte.

Sono un invito a far alzare il piede dall’acceleratore agli automobilisti, ma anche un generale invito a rispettare i limiti di velocità nei centri abitati, con il fine ultimo di ridurre gli incidenti stradali e aumentare la sicurezza».

Al momento la contabilità dei danni ai quattro speed check è desolante: quello più recente, installato sulla SR 429, fra Molin Nuovo e Brusciana, è completamente danneggiato e irrecuperabile; stessa situazione in via Pontorme dove dopo il danneggiamento è stato rimosso; in via Motta, a Pagnana, dopo essere stato buttato a terra e imbrattato è stato nuovamente rimesso in piedi; in Via Piovola è stato imbrattato.

[comune empoli]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento