ENTRO FINE ESTATE IL CENTRO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

Raccolta differenziata: centro rifiuti entro l'estate
Raccolta differenziata: centro rifiuti entro l’estate

QUARRATA. Dopo otto anni si torna a parlare a Quarrata di “piattaforma ecologica” o meglio di Centro di raccolta (Cdr) differenziata dei rifiuti. Lo si è fatto in consiglio comunale approvando di fronte ad un gruppo ampio di cittadini (per lo più appartenenti al gruppo Notares) l’attribuzione del diritto di superficie del terreno di via Piero della Francesca, angolo via Bocca di Gora e Tinaia da tempo destinato allo scopo al Cis S.r.l. con un contratto trentennale. Dopo una ampia discussione il punto è stato approvato dai gruppi di maggioranza Pd-Gruppo Misto e Lista Per Quarrata con il voto contrario di Insieme per Quarrata e Forza Italia.

Già nel 2006, molto prima che si concretizzasse la raccolta “porta a porta” spinta sui territori della piana pistoiese a Quarrata doveva sorgere una piattaforma ecologica di stoccaggio e trattamento di materiali provenienti dalla raccolta differenziata analoga tipologicamente a quella già esistente presso l’inceneritore di Montale. Per diverso tempo sul terreno era stato collocato un cartellone illustrativo. Un progetto definitivo per la realizzazione di una “stazione ecologica” da parte del Cis Spa (Consorzio Intercomunale Servizi) era stato approvato anche dalla giunta municipale e a tale scopo era stato appositamente richiesto un finanziamento regionale “sia ai fini del Docup 2000-2006 che al fondo di rotazione ad un decreto regionale del 2003 per un importo complessivo di 950.000 euro”. La commissione edilizia di Quarrata aveva espresso parere favorevole sul progetto il cui intervento sarebbe ricaduto urbanisticamente nell’ambito della variante L (relativa all’area per attività di servizio al sistema produttivo locale e contestuale variante normativa) la cui approvazione definitiva è avvenuta in consiglio comunale sempre nel 2006. Poi non se ne è fatto più di nulla. Fino alla ufficializzazione di lunedì scorso in consiglio comunale.

“È un altro tassello per un completo e nuovo rapporto tra Quarrata e il recupero dei rifiuti – ha affermato il sindaco Marco Mazzanti – Abbiamo iniziato la raccolta differenziata da qualche mese con un percorso che ci vede impegnati e stiamo trovando una grossa partecipazione. Quello di stasera è un altro importante tassello in quanto autorizzeremo un diritto di superficie valido 30 anni, periodo dopo il quale il Comune tornerà proprietario del terreno. Con l’eliminazione dei cassonetti sul territorio smaltire i rifiuti – in particolar modo quelli ingombranti – è sempre più difficile anche se rimane attivo il servizio di raccolta a domicilio e rimane funzionante ed attiva la piattaforma Maciste a Montale. Con il Centro Raccolta che sarà realizzato entro fine estate intendiamo fare un passo in avanti nel corretto smaltimento dei rifiuti e dal punto di vista ambientale”.

“Noi a questo progetto – ha affermato Alessandro Cialdi (capogruppo di Insieme per Quarrata) – siamo stati contrari al momento della sua valutazione perché si riteneva in questo momento storico in cui si va ad aggravare i cittadini con tasse inique una spesa non opportuna. Oltretutto si è registrato in commissione un aumento della spesa di realizzazione passata da 630 a 700 mila euro. Noi avremmo fatto a meno per adesso di creare questa piattaforma dove i cittadini potranno conferire quei rifiuti che dovrebbero essere ritirati attraverso il porta a porta. Si è trattato quindi di una scelta del Comune e del Cis di avvicinare una piattaforma già esistente che oltre ad essere costruita dovrà essere anche gestita con i costi che ne consegue e che ricadranno inevitabilmente sulle bollette dei cittadini. È quindi più una opportunità per il Cis che si ritroverà un nuovo impianto di raccolta a disposizione nella speranza che questo si trasformi in una riduzione delle tariffe. Secondo noi sarebbe stato meglio invece abbassare il bilancio del Cis facendo a meno di questa spesa. Per quanto riguarda il porta a porta è da almeno una quindicina di anni che la sostengo. Ora però il merito pare sia tutto del sindaco Mazzanti !”. Sempre riguardo al centro di raccolta differenziata dei rifiuti Alessandro Cialdi ha ricordato il problema della viabilità della zona con strade disastrate e non adatte a sopportare carichi pesanti. “Anche per questo servirà porre accorgimenti sostanziali allo stato di salute della viabilità e quindi il Comune dovrà affrontare ulteriori spese”.

“La raccolta differenziata – ha detto Anna Ciervo (Gruppo Misto) – era nel programma elettorale del sindaco e della coalizione che lo ha appoggiato. Sapevamo anche che si sarebbero dovuti sostenere dei costi per avere questo servizio e di conseguenza le spese sono state spalmate sulle bollette. Il Centro di raccolta differenziata dei rifiuti si inserisce in tale percorso e migliorerà il servizio offerto”. “Quello di stasera  ha dichiarato Fiorello Gori (lista Per Quarrata) – è solo un fatto tecnico che dà gambe alla delibera della raccolta porta a porta e al piano finanziario del Cis che prevedeva già allora di creare una piattaforma per Quarrata, pensata anche alla gestione futura del servizio. È quindi una riconferma di una scelta strategica. Conto che attraverso la gara che sarà indetta si possa attraverso l’eventuale ribasso ottenuto ritornare alla cifra di 630 mila euro iniziali”. “Il progetto mi sembra semplicistico e incompleto – ha affermato invece Flavio Berini (Forza Italia) –. Non viene indicato infatti come sarà spalmata la spesa e non si dice nulla neppure su dove verranno presi i soldi. Non capisco neanche il motivo per cui si ricorrerà ora ad ottenere dei finanziamenti quando per il Porta a Porta (acquisto di mezzi, personale, ecc.) non lo si è fatto”. Piena condivisione al progetto è arrivato dal capogruppo Pd Gabriele Giacomelli. “Il nostro obiettivo – ha risposto il sindaco Marco Mazzanti – sarà la diminuzione dei rifiuti ma per produrre meno rifiuti occorrono normative nazionali e regionali mirate. Intanto ci siamo mossi come per esempio per la riduzione della plastica attraverso l’installazione dei fontanelli ma il migliore rapporto con i rifiuti lo si deve avere garantendo alla città modi per smaltire i rifiuti stessi e per questo è utile anche una piattaforma per gli ingombranti”.

Vedi anche: http://andreaballi.blogspot.it/2011/05/la-gestione-dei-rifiuti-consiglio.html

SU FACEBOOK:

 https://www.facebook.com/lineefuture

SU TWITTER:

 https://twitter.com/LineeFuture

PER COMMENTARE:

 http://linealibera.info/come-registrarsi-su-linee-future/

OPPURE SCARICA:

 Registrarsi su «Linee Future»

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “ENTRO FINE ESTATE IL CENTRO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

Lascia un commento