estate insieme grandi. BARDELLI (FDI-AN): «QUALE DANNO ECONOMICO? SCELTE POLITICHE SBAGLIATE!»

Serravalle Pistoiese
Serravalle Pistoiese

SERRAVALLE. Ormai non rispondere alle domande della sottoscritta è diventato un vizio dell’amministrazione comunale. Alla fine di agosto avevamo presentato una interrogazione per avere spiegazioni circa la soppressione, a partire dal 2014, del servizio “Estate Insieme Grandi”, rivolto ai ragazzi dai 6 ai 14 anni di età durante il periodo estivo per andare incontro alle difficoltà incontrate dalle famiglie nell’accudimento dei figli dopo l’interruzione delle attività didattiche a causa degli impegni lavorativi di entrambe i genitori.

L’assessore Querci ha omesso di rispondere – e non pensiamo affatto involontariamente – ai seguenti quesiti: quale sia stato il rischio di danno economico che avrebbe determinato la chiusura anticipata delle attività estive, come enunciato nella deliberazione di giunta; quale sia stata la spesa affrontata dal comune ogni anno per offrire tale servizio alle famiglie; quale sia il motivo per cui il progetto non è stato riproposto negli anni 2015-2016.

L’amministrazione non ha a disposizione i dati per rispondere oppure ha qualcosa da nascondere? In entrambi i casi si tratta a nostro avviso di un comportamento grave. Dalle notizie forniteci possiamo dedurre che il numero dei ragazzi coinvolti nel progetto, attivato nel 2007, è andato decrescendo nel tempo fino ad arrivare a 33 iscrizioni nel 2013; che il costo complessivo del servizio per il Comune nell’ultimo anno è stato di circa 32.500 euro; che l’introito per lo stesso anno di riferimento è stato pari a 6.165 euro al netto degli esoneri.

Elena Bardelli
Elena Bardelli

Noi pensiamo che la chiusura delle attività non sia dovuta al rischio di danno economico, ma a scelte politiche sbagliate della Giunta Mungai che non hanno certamente dato priorità alle esigenze delle famiglie in difficoltà.

La differenza tra le spese a carico del Comune e delle entrate poteva senz’altro essere coperta con le risorse a disposizione, utilizzate però diversamente: si pensi allo spreco dei circa 20mila euro spesi per attivare – con il ricorso alle cooperative – lo Sportello Migranti, che invece avrebbe potuto essere gestito senza oneri aggiuntivi dagli uffici comunali; oppure all’organizzazione di manifestazioni culturali senza alcuna attinenza con il territorio e con la sua promozione, che oltretutto sono andate aggiungendosi a quelle già esistenti negli ultimi anni.

La cancellazione del servizio ha procurato disagi enormi a famiglie già di per sé penalizzate per gli effetti della crisi economica che ha colpito anche il Comune di Serravalle. I nostri amministratori la smettano una buona volta di proclamare all’occasione la loro “particolare” sensibilità per i problemi sociali, perché i fatti dimostrano esattamente il contrario.

Il grado di civiltà di una amministrazione si misura dalla sua capacità di mettersi al servizio dei cittadini più bisognosi.

Seguono i testi dell’interpellanza e della risposta dell’assessore:

Al sig. Sindaco
Al sig. Assessore di Competenza
Al sig. Segretario Generale
E p.c. ai sig.ri Consiglieri Comunali

OGGETTO: INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA SU SOPPRESSIONE DEL SERVIZIO EDUCATIVO-RICREATIVO “ESTATE INSIEME GRANDI”

PREMESSO CHE

con delibera n. 6 del 18/01/2014 la Giunta Comunale, al fine di non generare danno economico, a partire da quello stesso anno prevedeva la conclusione anticipata delle attività estive denominate “Estate Insieme Grandi”;

ATTESO CHE

con questo progetto, rivolto ai ragazzi di età compresa tra i 6 e i 14 anni, l’Amministrazione Comunale ha provveduto nel corso degli anni a rispondere ai bisogni delle famiglie durante il periodo di interruzione delle attività didattiche;

PRESO ATTO CHE

il servizio non è stato più riattivato;

CONSIDERATO CHE

l’abolizione del servizio ha provocato nel periodo di crisi economica non poco disagio alle famiglie di Serravalle, soprattutto a quelle in condizioni più disagiate;

la sottoscritta Elena Bardelli, Consigliere Comunale Fdi-An,

INTERROGA IL SINDACO E L’ASSESSORE COMPETENTE PER SAPERE:

  1. quale sia stato il rischio di danno economico che avrebbe determinato la chiusura anticipata delle attività estive;
  2. quale sia stata la spesa affrontata dal Comune ogni anno per offrire tale servizio alle famiglie;
  3. quanti bambini mediante iscrizione abbiano partecipato ogni anno al progetto a patire dalla sua attivazione;
  4. quale sia stata la quota di iscrizione a carico delle famiglie;
  5. quale sia il motivo per cui il progetto non è stato riproposto negli anni 2015-2016.

In fede

Elena Bardelli

Al Consigliere Comunale
Elena Bardelli
E p.c. ai Consiglieri Comunali

OGGETTO: Interrogazione a risposta scritta Prot. 14271/2016

In ordine all’interrogazione in oggetto sono a comunicarle quanto segue

numeri

  1. Iscritti al progetto Estate insieme grandi dall’anno 2007:
  2. Il costo sostenuto nell’anno 2013 è stato di €. 32.491,00 comprensivo di operatori, pasti, piscina, trasporto.
  3. L’introito nell’anno 2013 è stato di €. 6.165,00 (al netto degli esoneri)
  4. L’ultima tariffa applicata è stata di €. 190 per due settimane (10 giorni)

Distinti saluti.

L’Assessore all’Istruzione
D.ssa Simona Querci

 

Simona Querci, Vicesindaco Serravalle
Simona Querci, Vicesindaco Serravalle

[elena bardelli – fd-an]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

5 thoughts on “estate insieme grandi. BARDELLI (FDI-AN): «QUALE DANNO ECONOMICO? SCELTE POLITICHE SBAGLIATE!»

  1. Hanno proprio un bel rispetto delle opposizioni non c’è che dire.
    Riguardo al progetto è tutto un controsenso: si toglie di mezzo un servizio perché ci sono troppe agevolazioni o esenzioni basate sull’ISEE, ma il servizio è nato proprio per aiutare i genitori in difficoltà che non possono permettersi le vacanze o che non sanno a chi lasciare i figli perché lavorano nel periodo estivo.

  2. Ooooo.! Bardelli ma un ti scappa da ridere quando sei in consiglio, non l’ai visto come battono il serio , sembrano veri. IL MINONNO CIAVEVA UN ASINO UNA VOLTA NON VOLEVA CAPIRE DI CAMMINARE, MI RICORDO GLI MISE UN CORBELLO IN CAPO E GIU BASTONATE NEL CORBELLO,LA SOMARA COMINCIO A CAMMINARE..!!

  3. Ormai la sinistra è la prima che pesta i piedi ai più deboli e ai più poveri. Che ci vogliamo aspettare? Solo un amministrazione fatta da persone diverse e quanto prima!!!!

  4. Sono i meno abbienti che hanno bisogno non i benestanti. I meno abbienti secondo l’Assessora come avrebbero fatto a pagare la quota intera? Penso che ci arrivino tutti a capire. E siccome la gente non paga la quota intera perché non può si toglie di mezzo il servizio e si fa prima.
    Io non so che logica seguono questi di Serravalle!

Lascia un commento