EX CASELLI, SI MUOVE ANCHE LA COMMISSIONE DI INCHIESTA DELLA REGIONE

Facciata del Caselli
Facciata del Caselli

QUARRATA. In una lettera al Direttore Generale dell’azienda Usl 3 di Pistoia, dottor Roberto Abati, e al Direttore Amministrativo, dottor Luca Cei, la commissione di inchiesta finalizzata alla “Verifica delle operazioni immobiliari delle aziende sanitarie toscane a partire dall’Asl n. 10 di Firenze” nella seduta del 18 giugno scorso ha deciso di acquisire “a fini conoscitivi” le motivazioni che hanno portato allo sgombero dell’immobile dell’Ospedale Caselli di Quarrata “nonostante i lavori di ristrutturazione eseguiti per garantire la messa a norma”.

Nella lettera – firmata da Stefano Mugnai (consigliere regionale di Forza Italia in qualità di vicepresidente della Commissione Sanità della Regione e presidente della commissione di inchiesta) all’Asl pistoiese viene chiesto anche “di indicare e produrre la documentazione relativa ai lavori eseguiti, costi sostenuti, contratto stipulato con l’impresa esecutrice dei lavori e comunque ogni altra documentazione utile per ricostruire la vicenda dell’immobile in questione a partire dalla sua assegnazione ed acquisizione fra i beni immobili dell’azienda ad oggi”.

La lettera della commissione d’inchiesta della Regione Toscana
La lettera della commissione d’inchiesta della Regione Toscana

La commissione di inchiesta presieduta da Stefano Mugnai vede tra i suoi componenti Maria Luisa Chincarini (vicepresidente) e Simone Naldoni (segretario), oltre ai consiglieri regionali Marco Carraresi, Gabriele Chiurli, Giovanni Donzelli, Giuliano Fedeli, Gian Luca Lazzeri e Paolo Marini. La prossima seduta è convocata per il 2 luglio.

Immediato il commento da parte dei promotori della petizione “Salviamoilcaselli”. “Ci prendiamo sempre un sacco di offese, accuse di scorrettezza, di essere politicizzati, di voler solo fare confusione e regolarmente i fatti ci smentiscono o rovesciano la realtà, È successo anche stavolta. Con la questione ex Caselli. Anche la Regione, nella fattispecie una commissione di Inchiesta si richiede di fare chiarezza sui motivi che hanno spinto alla chiusura dell’Ospedale ex Caselli dopo che erano stati fatti lavori per la sua rimessa in opera. Le nostre stesse richieste di chiarimenti presenti sulla petizione, firmata da migliaia di quarratini e definita dal nostro sindaco Marco Mazzanti un manifesto politico contro l’Amministrazione e ci accusava di fare disinformazione, sono le stesse di un organo di controllo della Regione Toscana”.

Vedi: http://www.consiglio.regione.toscana.it/commissioni/default.aspx?idc=32

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento