PRESE LA EX A COLTELLATE, CHIESTA PERIZIA PSICHIATRICA PER L’AGGRESSORE

Emanuele Nelli [Il Tirreno]
Emanuele Nelli [Il Tirreno]
PISTOIA. Prima udienza questa mattina, 5 ottobre, per Emanuele Nelli, il 34anni accusato di tentato omicidio nei confronti dell’ex compagna 25enne, Kelly Bonacchi, e madre del loro bambino.

Gli avvocati Fausto Malucchi e Elena Baldi, difensori dell’uomo, hanno chiesto al giudice Maria Elena Mele il rito abbreviato, subordinando la richiesta ad una perizia psichiatrica.

La 25enne invece è difesa dall’avvocato Alberto Russo.

La brutale aggressione era accaduta quasi un anno fa, il 9 ottobre scorso per l’esattezza, in una paesino sulle colline pistoiesi, quando Emanuele Nelli, autista di Lamporecchio, aveva colpito la donna con numerose coltellate.

Prima l’uomo avrebbe inseguito l’ex compagna in macchina fino a speronarla e, dopo averla costretta a fermarsi, avrebbe sfondato il finestrino e l’avrebbe accoltellata numerose volte durante la lite che li ha portati a finire in una scarpata. Nel frattempo la madre della ragazza era arrivata sul posto e l’uomo l’avrebbe aiutata a riportare la donna sulla strada dove poi è stata raggiunta dai soccorritori. Emanuele Nelli, nel frattempo, aveva fatto perdere le sue tracce.

Ricoverata all’ospedale San Jacopo di Pistoia, alla donna erano state riscontrate una trentina di lesioni da arma da taglio, sei delle quali, le più gravi, sono state inferte al collo al torace e all’addome.

Il 34enne, invece, si era costituito ai Carabinieri la mattina successiva al terribile evento, accompagnato dal suo avvocato di fiducia.

Sempre un anno fa, in agosto, il 34enne era stato denunciato per percosse e rapina del cellulare nei confronti della sua ex e aveva ricevuto il divieto di frequentare luoghi in cui potesse trovarsi anche la giovane.

“Nel fascicolo del pm c’è una consulenza psichiatrica secondo la quale Nelli sarebbe capace di intendere e di volere – spiega l’avvocato Malucchi – nel nostro fascicolo, invece, c’è scritto l’opposto. Infatti il 34enne, poco prima dell’aggressione alla ex, era stato ricoverato per 12 giorni nel reparto psichiatrico dell’ospedale di Empoli. Ci vuole dunque un terzo perito che valuti le sue condizioni di salute”.

Sia la giudice Mele che la parte civile hanno accolto le richieste dei difensori di Nelli.

Tra i due ex conviventi è in corso anche un procedimento in sede civile per il diritto di visita al bimbo che i due hanno in comune. C’è una consulenza psicologica in questo procedimento che i difensori di Nelli hanno chiesto fosse acquisita.

Il 14 ottobre prossimo il nuovo consulente giurerà dinanzi al giudice e svolgerà poi le relative operazioni peritali.

[Alessandra Tuci]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento