falsi d’autore 4. COSÌ IL COMUNE TENTA DI GIUSTIFICARE LE SUE INDIFENDIBILI INEFFICIENZE DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO SUL MONTALBANO DEL “VINCOLO AMBIENTALE”

NELLE PUNTATE PRECEDENTI

12.2.2021 – https://www.linealibera.info/falsi-dautore-il-comune-di-quarrata-il-suo-emerito-ufficio-tecnico-urbanistica-e-larte-sublime-dellingannare-i-cittadini-mentendo-e-sapendo-di-mentire/
18.2.2021 – https://www.linealibera.info/falsi-dautore-2-cosi-il-comune-tenta-di-giustificare-le-sue-indifendibili-inefficienze-di-sorveglianza-e-controllo-sul-montalbano-del-vincolo-ambientale/
19.2.2021 – https://www.linealibera.info/falsi-dautore-3-cosi-il-comune-tenta-di-giustificare-le-sue-indifendibili-inefficienze-di-sorveglianza-e-controllo-sul-montalbano-del-vincolo-ambientale/

Chiedetevi se, per caso, lo sbancamento può avere interessato solo l’altezza di 1 metro e 80 circa. Sarà che non sono geometra né ingegnere (e dico fortunatamente!), ma a me non pare proprio. Poi può anche darsi che non abbia il metro nell’occhio bionico di cui disponevano i quattro del Comune di Quarrata che hanno firmato il “verbale del sopralluogo” del 16 settembre 2020…

 

NON CERCATE D’INCANTARMI:

QUI CI STA UNA PIAZZA D’ARMI!

 


 

Stessa domanda per tutti: secondo voi lo sbancamento ha portato via solo 1,80 metri lineari di roccia o qualcosina di più…? E come si fa a dire che è tutto a posto?

 

RIPRENDIAMO il discorso sullo sbancamento di via di Lecceto da dove eravamo rimasti, cioè alla terza puntata del 19 febbraio scorso.

Consiglio, intanto, di scaricare e leggere la pratica edilizia n. 292.05 del 5.5.2005 con la relazione tecnica descrittiva del lavoro di sbancamento da eseguire.

Il progettista dei signori Mara Alberti, Sergio Meoni e Margherita Ferri, per l’esattezza il Geom. Antonio Pasticci (di Agliana – n. 792 del Collegio dei Geometri di Pistoia), dopo avere descritto la zona dei lavori e dopo averla identificata in termini catastali, affrontando il discorso delle caratteristiche morfologiche dell’area, scrive testualmente che si dovrà sbancare uno

sprone di roccia dell’altezza di circa 1,80 ml, sulla linea dell’andamento del terreno, che è un declivio naturale abbastanza accentuato

Tenete bene a mente questa misura: altezza 1 metro e 80 centimetri circa, vale a dire meno di 1,80 ml.

Ora alzate gli occhietti verso la foto nr. 1 e chiedetevi se, per caso, lo sbancamento può avere interessato solo l’altezza di 1 metro e 80 circa. Sarà che non sono geometra né ingegnere (e dico fortunatamente!), ma a me non pare proprio. Poi può anche darsi che non abbia il metro nell’occhio bionico di cui disponevano i quattro del Comune di Quarrata che hanno firmato il “verbale del sopralluogo” del 16 settembre 2020.

La domanda ora è semplice: siamo in area protetta del Montalbano, ma i signori delle concessioni facili andarono mai a verificare i lavori prima che iniziassero, durante lo sbancamento e dopo, per evitare accuratamente di far fare ad altri le figure che hanno fatto il Gelli, il Bai, il Casseri e il Gori che, saliti a Lecceto il giorno della fiera delle forze dell’ordine (dieci o più di tutti i tipi), con la vista a raggi X di Nembo Kid hanno sentenziato e sottoscritto che tutta l’operazione «distruzione del poggio» era assolutamente regolare?

E perché la Procura della Repubblica mi accusa di non voler credere alle dichiarazioni dell’Area 3 del Comune (ma meglio sarebbe Area 51, perché l’Utc di Quarrata sembra che sia abitato da alieni)!

Alla pagina 2 della relazione tecnica del Geom. Pasticci, si dice che

Non verranno eseguiti muri di contenimento in quanto la demolizione verrà eseguita in modo che la parete si sostenga senza la necessità di tale opera.

Una domanda semplicissima: ma era o non era tutto a posto? Voi cosa rispondereste in proposito?

Ma guardate le foto, gente dell’Area 51 del Comune di Burràkia. Vi sembra che non ce ne siano di muri di contenimento e sostegno? Se ne sono accorti anche il Gelli, il Bai, il Casseri e il Gori.

Guardate, infatti, cosa hanno scritto nella loro relazione di sopralluogo e poi chiedetevi: hanno già provveduto in merito o hanno ripreso a dormire fra due guanciali lasciando scorrere il tempo?

In quel punto doveva esserci spazio per due veicoli – così si legge nella relazione-Pasticci –, ma quello spazio è diventato una piazza d’armi. Avevano scritto e chiesto di poter sbancare perché l’abitazione del civico 18 era senza parcheggi: ed era falso. Il parcheggio era già stato realizzato a 30 metri di distanza, verso Sud (vedi foto nr. 3).

Dichiaravano di voler realizzare piccole aree di sosta-veicoli e hanno letteralmente aperto un campo sportivo parrocchiale.

Il meglio arriva quando il Geom. Pasticci conclude che non ci sarà

stravolgimento della morfologia del terreno, perché a demolizione avvenuta [l’area – n.d.r.] seguirà l’andamento del declivio del terreno e si ritiene che non sussistano le condizioni per il verificarsi di eventuali problematiche a livello idrogeologico.

Si noti il si ritiene. Permettetemi di dire che certi geometri sono davvero Superman: loro ritengono, cioè dichiarano che “tutto va ben, madama la marchesa” con la sola espressione di una opinione. Io, per avere espresso le mie opinioni, sono agli arresti domiciliari da oltre due mesi perché mi hanno bollinato con la definizione di stalker! E ditemi se non siamo dinanzi a una forma di evidente schizofrenia italico-giudiziaria.

Ma se il verbo ritenere indica la condizione di chi “crede una certa cosa” (mi pareva, mi sembrava, mi credevo), non basta il famoso modo di dire, a chiarire l’assoluta illogicità manifesta, secondo il proverbiale «mi credéo e mi paréa è il patrimonio dei bischeri»?

Concludo questo passaggio chiarendo:

  1. nessuno dell’ufficio tecnico comunale verificò mai un bel niente prima, durante e dopo i lavori di sbancamento del 2005 che terminarono in tutt’altro modo rispetto a quello dichiarato dal Geom. Pasticci

  2. mia madre, Bruna Lapini, proprietaria a confine con lo sbancamento, si trovò con l’opera già realizzata, perché nessuno della famiglia era più salito a Lecceto dopo la morte di mio padre, avvenuta qualche anno prima

  3. nessuno dell’ufficio tecnico quarratino chiese mai agli interessati di fornire una perizia geologica dell’area da sbancare: ci si limitò al si ritiene del Pasticci

  4. nessuno avvisò mai la proprietà a confine di ciò che stava per avvenire e che – contrariamente alle dichiarazioni – ha stravolto la natura del luogo da diritto e da rovescio. E i fatti parlano da sé.

Oggi ci sono muri di contenimento e non solo, di cui si sono accorti perfino – come ho detto – il Gelli, il Bai, il Casseri e il Gori.

Questa foto risale al 2008. La situazione non è più questa, perché molte cose sono cambiate. Sarebbe il caso di partire dalle misure della via vicinale di Lecceto per poi vedere quali innovazioni sono state apportate. Ovviamente controllando in maniera rigorosa tutto ciò che è stato fatto senza licenza da certi cittadini di “serie A”…

Invece di sottoscrivere discorsi a vanvera sulla regolarità delle opere e sulla loro conformità ai progetti presentati all’Area 51 del Comune, la volete guardare questa pratica, parola per parola, rigo per rigo? È stata data una autorizzazione «a capocchia» dal solito Geom. Franco Fabbri che, di fatto, ha favorito alcuni cittadini danneggiandone altri.

In altri termini, magari più espliciti per i non-capenti: quanto dovrò restare ancora agli arresti domiciliari in attesa che la Procura, lette davvero le carte da vetta a fondo, capisca che lo stalker non è il Bianchini perché sta sui corbelli a tutti, ma quei fortunati stranieri che, trasferitisi a Lecceto, hanno messo il Montalbano a soqquadro con il beneplacito della santa madre casa comunale di Burràkia?

Tanto è inutile menarla per le lunghe: i fatti, alla fine, lo ripeto, parlano da sé!

Dagli arresti domiciliari, Edoardo Bianchini
[direttore@linealibera.info]

 

 

La prossima puntata a domani. Ma non so se ne basterà una soltanto per mostrare la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità… Dite lo giuro!
Un’ultima cosa: siamo sicuri che l’opera sia stata realizzata con escavatori di media stazza come prospettato nella relazione-Pasticci?

 


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “falsi d’autore 4. COSÌ IL COMUNE TENTA DI GIUSTIFICARE LE SUE INDIFENDIBILI INEFFICIENZE DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO SUL MONTALBANO DEL “VINCOLO AMBIENTALE”

Comments are closed.