FANUCCI: «NO ALLA CHIUSURA DEL COMMISSARIATO DI PESCIA»

Maurizio Manzo
Maurizio Manzo

ROMA. Si è svolto mercoledì mattina a Roma, presso la sede del Ministero, l’incontro tra l’onorevole Edoardo Fanucci, il Questore di Pistoia Maurizio Manzo, e il sottosegretario agli Interni, Domenico Manzione. Oggetto del confronto, il futuro del Commissariato di Pescia, presidio a rischio chiusura in seguito alla spending review imposta dal governo.

“Il taglio della caserma – spiega Fanucci – rientra in una Politica nazionale di revisione della spesa, volta a generare risparmi e a liberare risorse aggiuntive. L’intento è certamente positivo, ma non è accettabile che l’obiettivo venga perseguito a scapito dei cittadini, chiudendo un Commissariato fondamentale per la Valdinievole e per una parte importante della Lucchesia”.

Negli ultimi anni, infatti, i reati nella zona sono risultati, dati alla mano, in forte in ascesa, ragione per cui la scelta sembra a maggior ragione da ripensare.

“Abbiamo informato il governo sulla strategicità del presidio pesciatino e ci siamo fatti portavoce delle moltissime istanze del territorio – prosegue Fanucci –. La raccolta firme avviata nelle ultime ore e la mobilitazione in atto fra i cittadini, che ha visto coinvolti anche i Sindaci e le associazioni del territorio, vanno nella direzione giusta. Ogni azione in questo senso è benvenuta e del tutto auspicabile. Il piano che prevede la chiusura del Commissariato non deve essere sottovalutato, ma deve essere contrastato, a livelli. A tal fine continueremo a lottare con la massima forza e determinazione per affermare il valore della caserma della Polizia di Pescia. Daremo vita a tutte le azioni necessarie al fine di garantire il pieno diritto delle persone a vivere in sicurezza e in serenità”.

[comunicato on. fanucci]

redazione@linealibera.info

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento