FERMIAMO L’USO INDISCRIMINATO DEI DISERBANTI

Si inquina...
Si inquina…

VALDINIEVOLE. Fermiamo l’uso indiscriminato dei diserbanti lungo i cigli delle strade. È appello che Legambiente Valdinievole rivolge a tutti gli enti pubblici del nostro territorio. «L’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo e la terra dove cresce il nostro cibo sono parte di un ecosistema globale delicato, che è sempre più sotto pressione per colpa della mano pesante dell’uomo», questo è quello che ha affermato il segretario generale dell’Onu Ban Ki Moon durante la giornata mondiale della Terra.

Una citazione che stride con quello che sta avvenendo in questi giorni in molti comuni della Valdinievole dove le amministrazioni stanno effettuando operazioni di contenimento della vegetazione lungo i lati delle strade ricorrendo ad un uso massiccio di diserbanti che oltre ad essere pericoloso per gli animali e per l’uomo, è anche davvero brutto.

Crediamo che tutti, ma in particolare proprio gli enti pubblici, ci dovremmo impegnare per limitare l’inquinamento della Valdinievole che è già molto preoccupante. Ricordiamo che molti diserbanti considerati innocui o addirittura ecologici si sono poi rilevati come probabili cause di tumori. Tutte le sostanze chimiche che si usano hanno controindicazioni, anche i farmaci, e quindi queste sostanze, come appunto i diserbanti, si devono usare soltanto quando strettamente necessarie. Per questo Legambiente chiede alle amministrazioni della Valdinievole di interrompere l’uso indiscriminato di diserbo lungo i cigli delle strade e le invita a provvedere tramite il taglio.

Nel caso questa pratica si rilevasse più costosa, crediamo che sia meglio avere un po’ di erba alta in più ai lati delle strade, ma un po’ di inquinamento in meno.

Legambiente Circolo Valdinievole

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento