ferrovie 2000. IL RADDOPPIO DELLA PISTOIA-LUCCA SI FERMA A SERRAVALLE?

Lo scavo della nuova galleria sembra creare problemi di stabilità alle costruzioni della Rocca e più che a un tunnel pare di essere dinanzi a un “buco nell’acqua”
Raddoppio Pistoia-Lucca: i lavori segnano il passo. La terra trema e i muri delle abitazioni si crepano

_____________________________

Serravalle. Il borgo della Rocca

 

SERRAVALLE. È presto detta: il raddoppio della linea ferroviaria Pistoia-Lucca sta andando avanti a rilento e il collo di bottiglia è proprio sotto la poltrona da Sindaco di Piero Lunardi – o almeno così si sente ripetere in giro.

Vi abbiamo preparato qualche foto e poche note: le chiacchiere non fanno farina. Come potete vedere, nella prima foto abbiamo aggiunto alcune indicazioni di per sé chiarissime. Il punto A indica l’inizio del raddoppio-galleria da Pistoia verso Montecatini; il punto B l’uscita del raddoppio stesso. E la linea gialla, da A a B, rappresenta indicativamente il percorso che la linea dovrebbe seguire nel tunnel.

Peccato che – a quanto si dice – il tracciato previsto corra sotto le case di Serravalle e che i lavori di scavo stiano facendo impensierire i residenti, che parlano perfino di crepe nelle loro abitazioni.

Filippo Capaccioli si occupa dei problemi di statica delle abitazioni

La terra non tremerebbe solo a Centro-Italia, ma anche sotto la poltrona di Lunardi. E sembra che i residenti siano seguiti, nei loro spiacevoli problemi, dal geometra Filippo Capaccioli, un 5 Stelle con molta esperienza, che fa parte anche del gruppo «Angeli di Montecatini», appassionati cultori dell’ambiente e impegnati a combattere il degrado urbano della città termale.

Se la situazione è come si racconta, non sono, in buona sostanza, tutte rose e fiori. Qui, nell’impossibilità di procedere speditamente con lo scavo della galleria, più che dinanzi a un tunnel, siamo forse di fronte a un «buco nell’acqua».

Ma perché su questo tema l’amministrazione non fa chiarezza parlando con Rfi-Rete Ferroviaria Italiana e, soprattutto, con i propri cittadini, specie quelli che si sentono tremare la terra sotto i piedi?

«Accidenti alla ferrovia | e all’ingegnere che la disegnò, | avevo il damo e me lo portò via, | chissà quando lo rivedrò» diceva una vecchia storia popolare di un secolo fa.

Edoardo Bianchini
[direttore@linealibera.info]
Annuncio ritardo:
treno fermo a Serravalle


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email