FESTA DEL CITTADINO, RIFLESSIONE CONCLUSIVA

Stop alla Festa del cittadino a Badia?
Stop alla Festa del cittadino a Badia?

PISTOIA. Sulla questione della “Festa del cittadino” a Badia a Pacciana Paolo Paolieri e Emiliano Giusti dopo un mese in cui anche noi di Linee Future – più di altri – ci siamo occupati della vicenda dando voce ai pro e ai contro, hanno inteso fare una riflessione conclusiva:

Al di là della contesa “accoglienza o non accoglienza nell’abbazia”, sulla quale ognuno legittimamente può avere le sue opinioni, ciò che più dispiace in tutta questa vicenda è il fatto che il 14 luglio un folto gruppo di persone, facenti parte di un comitato che rappresenta la comunità, ha espresso per alzata di mano e quasi all’unanimità una sua scelta e successivamente quella decisione è stata annullata e rovesciata senza riconsultare quei cittadini.

La proposta poteva anche essere discutibile, opinabile, da approfondire, tutto ciò che vogliamo: ma prima di annullarla e decidere il contrario quei cittadini andavano perlomeno riconvocati. Se non altro per rispetto. Facendo come si è fatto, quel comitato è stato svalutato, svilito, per certi aspetti umiliato. E questo non va bene!

Successivamente, proprio nel pieno della discussione, è stato chiesto un confronto pubblico con tutti i soggetti che avevano partecipato al dibattito, per chiarire la questione.

Ebbene, neanche questa proposta è stata accolta.

Evidentemente si vuole evitare il più possibile la convocazione di riunioni pubbliche generali e si preferisce procedere per piccoli gruppi. Questo però non è un bel segno perché senza un confronto generale e approfondito, non emergono le esigenze e le voci della collettività ma solo le posizioni di alcuni.

Paolo Paolieri e Emiliano Giusti

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “FESTA DEL CITTADINO, RIFLESSIONE CONCLUSIVA

Lascia un commento