FESTIVAL BLUES QUOTA 36

L'ultimo concerto a Pistoia di B.B. King il 14 luglio 2012
L’ultimo concerto a Pistoia di B.B. King il 14 luglio 2012

PISTOIA. Mancano una decina di giorni, ancora; poi, su piazza del Duomo, si accenderanno i riflettori della 36esima edizione del Festival Blues che quest’anno – e come sarebbe potuto essere diversamente – sarà interamente dedicata a B.B. King, recentemente scomparso all’età di 90 anni dopo aver calcato l’anfiteatro pistoiese in ben dieci occasioni della rassegna, ad iniziare da quella prima, indimenticabile e irrepetibile volta del 14, 15 e 16 luglio 1980.

Anche se il blues non sarà, a onor del vero, il tratto dominante di questa manifestazione, che per la prima volta si spalmerà su 24 giorni (1-24 luglio), abbandonando, forse definitivamente, la vecchia e collaudatissima formula dei tre giorni, che in alcune circostanze speciali, divennero cinque.

Complice di questa idea, oltre a vecchi e mai risolti problemi di ordine pubblico, pernottamento e traffico cittadino umano, la contemporanea – e ci viene da sospettare definitiva – soppressione della Giostra dell’Orsa, una ricorrenza che non avrà più bisogno di cavalli e cavalieri per essere celebrata.

I nomi e le serate che impreziosiranno questa edizione sono ormai noti da tempo: si parte il 1° luglio, con i Mumfords & Sons, per arrivare alla nona serata in scaletta, quella del gran finale, il 24 luglio, con il concerto di Sting, per la prima volta sul palco di piazza del Duomo. Nel mezzo, altri sette concerti, una serie innumerevoli di eventi collaterali tra clinics, mostre e didattica e la solita meravigliosa adrenalinica attesa dell’evento.

Le altre esibizioni riguardano quelle del rock americano offerto dai Counting Crows (3 luglio), anticipati sul palco da un’intrattenitrice straordinaria, Arianna Antinori, la reincarnazione di Janis Joplin; la musica d’autore irlandese di Hozier (7 luglio) e quella di quello anglosassone puro di Mike Rosenberg (15 luglio).

Venerdì 17 luglio (i superstiziosi possono fare tutti gli scongiuri che credono) la giornata che imploriamo da sempre – unica gratuita dell’intera rassegna –, quella tutta italiana, quella blues di rigore, quella del tributo autentico a B.B. King, ad iniziare dal boss di casa, la chitarra e la voce di Nick Becattini e la sua band ricchissima di fuoriclasse indigeni, che faranno da collettori a quel nugolo di musicisti che si alterneranno sul palco dalle prime ore del pomeriggio fino a notte fonda.

Il 18 e il 19 luglio l’ago della sonorità si sposta sul rock and roll, rispettivamente con quello hard dei The Darkness prima e quello progressiv dei Dream Theater dopo, prologo agli appuntamenti eccezionali di questa rassegna, con il concerto di Carlos Santana, il 21 luglio e quello di Sting il 24.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento