FILIERA CORTA E BUONA ALIMENTAZIONE A SCUOLA

Il servizio-mensa
Il servizio-mensa

QUARRATA. [a.b.] Sono stati rinnovati per gli anni scolastici 2014-2015 e 2015-2016 gli accordi tra il Comune di Quarrata, l’associazione Coldiretti di Pistoia e il gruppo acquisto solidale Gas-La Gramigna di Ponte Buggianese per i progetti “Menù a chilometro zero”, “Mensa Toscana” e “Menù biologico” nella refezione scolastica del comune di Quarrata.

L’accordo prevede la fornitura di prodotti biologici e a chilometro zero, inseriti nel menù del servizio di ristorazione scolastica. Una collaborazione che si rinnova confermando il successo di un progetto qualitativo che l’amministrazione quarratina sta portando avanti dal 2008.

Ogni giorno come è noto la cucina centralizzata di via Lippi prepara circa 1400 pasti per le scuole. Il servizio interessa circa 1800 bambini e comprende anche una erogazione giornaliera di un centinaio di pasti per i nidi d’infanzia. In tale ambito il Comune sta portando avanti una politica di educazione alimentare nelle scuole promuovendo all’interno dei menù stessi alimenti legati alla tradizione locale, alla stagionalità e a un consumo corretto del cibo “con lo scopo di riscoprire le tradizioni alimentari legati alla cosiddetta “dieta mediterranea”, di prevenire eventuali futuri disturbi alimentari e di promuovere e valorizzare l’agricoltura locale”.

ristorazione scolastica quarrataLa convenzione prevede di dare continuità al percorso avviato negli scorsi anni e che ha portato sulle tavole delle mense scolastiche del territorio piatti preparati con generi alimentari prodotti direttamente sul territorio (provenienti da allevamenti e coltivazioni locali) o comunque all’interno della Regione Toscana oltre ad introdurre i prodotti biologici mediante un menù biologico proposto una volta al mese che utilizza ovviamente generi alimentari provenienti da aziende agricole biologiche.

In base alle convenzioni saranno rese possibili anche visite guidate nelle aziende agricole fornitrici dei prodotti alimentari per gli alunni, i docenti e eventualmente anche i genitori interessati a conoscere i principali processi che portano gli alimenti sulle tavole dei consumatori.

Nella delibera della giunta si precisa tra l’altro che “le spese da sostenere per la realizzazione dei progetti non subiranno sostanziali modifiche rispetto a quelle previste per il normale approvvigionamento delle derrate alimentari necessarie alla preparazione del menù della refezione scolastica e che l’acquisto di tali prodotti non produce sostanziali incrementi di costi per l’Amministrazione dato che i prezzi praticati per l’acquisto dei generi alimentari sono in linea o poco superiori a quelli normalmente acquistati per la produzione dei pasti.

Vedi: http://www.comunequarrata.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/791

Scarica:

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento