fondazione luigi tronci. UN MIX DI MUSICA, ARTE E RECITAZIONE CON “LA SPOSA INFEDELE”

Stasera alle ore 21,30 in Corso Gramsci 37
Frittelli

PISTOIA. Associazione Culturidea e Fondazione Luigi Tronci hanno voluto dedicare un sabato sera al meraviglioso connubio tra musica, poesia, teatro. Così stasera 25 maggio alle 21.30 in corso Gramsci 37 arriva La sposa infedele. Si tratta proprio di un evento che crea una simbiosi quasi onirica  di musica ed arte.

Lo spettacolo prende il nome dal famosissimo brano di Garcia Lorca La sposa infedele appunto e già con questo incipit si comprende, come direbbe lo storico Riccardo Diolaiuti, quanta strada la narrazione ha deciso di far intraprendere al pubblico. Il titolo è stato scelto dai protagonisti per sottolineare la criticità e la fragilità dei rapporti interpersonali ed oltre a ciò un sentirsi in qualche modo perduti di fronte all’inesplicabile crudezza del tempo.

Tutto ciò è interpretato dalla voce recitante di Filippo Frittelli, dalla melodia del soprano Stefania Renieri, dal flauto insinuantesi tra le parole di Silvia Fontani, dal vibrar di note dell’arpa celtica di Annamaria De Vito. Il contaminarsi di elementi artistici fa del proprio ardimento un prorompente interrogarsi sul senso del sé e del rapporto con l’altro arrivando fino a citare l’allontanamento dall’amore di Dio. Il tema dominante è l’amore nelle sue variegate sfaccettature.

L’amore viene descritto nel programma in un alternarsi di brani che parlano al cuore dell’uomo. Descrivono l’amore brani scelti da autori come Torquato Tasso, Rimbaud, Garcia Lorca, D’Annunzio, Milton si alternano a brani di De Vito Bach Telemann e improvvisazioni.

In tutto ciò, non possiamo nascondercelo, c’è il desiderio di onorare i grandi autori e proporne di nuovi cercando sempre di allacciare epoche diverse a modi di sentire che rimangono e permangono nel tempo. Le voci del passato e del presente creano una atmosfera di grande fruibilità e attualità. Questa atmosfera poi si concreta nella fluidità ritmica di Stefania Renieri, Annamaria De Vito, Silvia Fontani, Filippo Frittelli in un crescendo che fa anche delle pause un elemento portante del climax che si vuol pervicacemente creare.

Così in corso Gramsci 37 Pistoia, stasera sabato 25 maggio a partire dalle ore 21.30 si potrà godere di una esperienza che, pur avendo radici antiche, guarda serenamente e compiutamente al presente proiettandosi nel futuro. Sempre citando lo storico valdinievolino Riccardo Diolaiuti si potrebbe dire che il 25 maggio si potrà assistere ad una Sovrapposizione, incrocio di forme o costrutti diversi da cui risulta una forma nuova, mescolanza, fusione di elementi tratti da fonti diverse che alla fine di tutto non fanno altro che creare arte ed emozione insieme.

[culturidea]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email