fondazione tronci. LE DONNE DI MARINO MARINI

Domani domenica 12 novembre alle 17.00 una conferenza sul Marino Marini privato e non solo con Roberto Agnoletti e Laura Vannucchi
Marino Marini 1

PISTOIA. Alla Fondazione Luigi Tronci, corso Gramsci 37, domenica 12 novembre alle 17.00 un’interessante conferenza dell’architetto Roberto Agnoletti sullo scultore Marino Marini.

La conferenza che rientra nel ciclo di incontri organizzati con l’associazione Culturidea, non si soffermerà agli aspetti storici e artistici del grande maestro pistoiese. Questa conferenza, ideata anche sotto la supervisione del noto Alviero Serrantonio, cercherà di esplorare aspetti propriamente privati della vita dell’artista.

Marino Marini nasce a Pistoia il 27 febbraio 1901.

Pomona di Marino Marini

A sedici anni si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Firenze, dedicandosi in un primo tempo al disegno e alla pittura; alla scultura si avvicina solo a partire dal 1922. Nel 1929 si trasferisce a Milano, chiamato da Arturo Martini ad occupare la cattedra di scultura presso la scuola d’arte di Villa Reale a Monza. Dello stesso anno è la prima importante scultura, Popolo, in terracotta , con la quale Marino si rivela al pubblico e alla critica.

Nel 1931 realizza Ersilia, una scultura in legno policromo considerata una delle opere fondamentali e nel 1932 presenta a Milano la sua prima personale.

La sua opera comincia ad ottenere i primi riconoscimenti importanti con la partecipazione alla Quadriennale di Roma; alla II Quadriennale nel 1935 vince il primo premio per la scultura.

Nel 1936 compare il Cavaliere, un’opera di notevole significato anche per la successiva evoluzione della ricerca, di cui Marino realizza due versioni, una in bronzo ed una in legno, ora in Vaticano.

[culturidea]

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento