fondazione tronci. “LONG PLAYNG” DI LORENZO IGNUDI

Lorenzo Ignudi
Lorenzo Ignudi

PISTOIA. “Quadrante dell’anima ti ho intravisto sopra una strada bagnata, lentamente virata in arancio. Adagio passeggiano gli attimi sopra caldi deserti di stoffa travolgendo le pagine, le pagine delle diciotto”.

Così inizia il lavoro di Lorenzo Ignudi, cantautore, strumentista, protagonista assoluto de Le pagine delle 18, il Long Playng con cd incluso che sarà presentato giovedì 1 dicembre alla Fondazione Luigi Tronci (ingresso 5 euro) a partire dalle 21:30.

A dare manforte ad Ignudi, nella serata in corso Gramsci 37 ci saranno Michele Marini (clarinetto e sax) Nicola Vernuccio (contrabbasso) ed ospiti Claudia Tellini (Voce), Leonardo Bartolomei (percussioni), Ivano Saltastrano (guimbarde), Massimo Baldi (poeta e coautore del brano L’inquietudine dei giusti). Inoltre, durante l’intera serata, saranno esposti una serie di cajon artigianali targati Pape Cajon (Pt).

La presentazione del disco fa parte di “Musicalmente giovedì con un mercoledì” il festival ideato ed organizzato da Fondazione Luigi Tronci ed associazione Culturidea per porre al centro del percorso culturale pistoiese il rapporto tra erudizione, civiltà, musica e comunità.

Questo lp è formato da canzoni originali che raccontano storie personali attraverso piccoli fotogrammi intrisi di una riflessione però profonda, ricca di intensità con una attenzione particolare a quella dimensione del sovra personale che è tipica dell’introversione ed introspezione del sé.

La copertina
La copertina

Nell’ambito di questa prima fase del Festival di Culturidea e Fondazione Tronci la serata del 1 dicembre risulta essere il quarto appuntamento in cui è stato presentato un disco inedito.

Per primi è stata la volta dei Bossa ‘n’ Joke, quindi di Francesco Biadene Project, quindi di Maurizio Geri con Nicola Vernuccio e Jacopo Martini per l’omaggio a Django, ora è il momento di Pagine delle 18 a dimostrazione che quel caleidoscopico luogo di sogni che si trova in corso Gramsci 37 a Pistoia sta diventando sempre di più il luogo per eccellenza della musica pistoiese.

“Ma tu chi sei che avanzando nel buio della notte inciampi nei miei più segreti pensieri?” sembra dirci Ignudi con la sua continua evocazione di un se stesso mutato e stanco, un essere ed un sentirsi che diventano parola e suono attraverso le note di Michele Marini, Nicola Vernuccio, Leonardo Bartolomei e la voce di Claudia Tellini che fa da eco, melodia, assonanza lontana.

L’appuntamento con questo progetto “ritrovato” è per il 1 dicembre alla Fondazione Tronci.

[culturidea]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento