FONDAZIONE TURATI. CARIGLIA: «DR ABATI, BASTA CON I TAGLI!»

Nicola Cariglia
Nicola Cariglia

PISTOIA. La Presidenza della Fondazione Turati ha deciso di inviare alle Istituzioni la lettera che si allega, a seguito dei nuovi tagli di budget prospettati dalla Asl 3, che rischiano di compromettere le attività dei Centri di Riabilitazione delle sedi di Pistoia e Gavinana.

Il Presidente fa inoltre presente che sono oramai 5 anni che vengono effettuati tagli del budget per decisioni non conseguenti a indirizzi dalla Regione ma assunte autonomamente e discrezionalmente da parte della Direzione della Asl di Pistoia.

Il Presidente denuncia un atteggiamento fortemente penalizzante e discriminatorio nei confronti della Fondazione.

Nicola Cariglia
Presidente

Scarica: Prot.221 del 17-06-2015 Fond. Turati-ASL 3 Pistoia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “FONDAZIONE TURATI. CARIGLIA: «DR ABATI, BASTA CON I TAGLI!»

  1. Allora: le nozze coi fichi secchi non si possono fare, però voi potete anche organizzarvi un tantino meglio. Da 3 anni porto mio figlio per il controllo della scoliosi. Ogni volta va in scena il festival delle liste d’attesa. Con appuntamentti dati da un anno all’altro non siete mai in grado a 15 giorni dalla scadenza del termine, di dire alle persone quando saranno visitate. Di solito parte il walzer delle liste d’attesa, coi genitori-sudditi che devono continuamente chiamare per sapere se i figli sono almeno in lista d’attesa. Io ho risolto, nel senso che l’anno scorso ho mandato un reclamo scritto alla ASL, al centro Turati e all’assessore regionale competente. Così che da non riuscire nemmeno a fare mettere mio figlio in lista d’attesa, egli è stato visitato subito…quest’anno è bastata la minaccia scritta di fare il bis con esposto in Procura, indirizzata al solo Turati per sbloccare immediatamente una situazione che si stava ripresentando pari, pari. Ma vi sembra normale? Sarà solo colpa dei fondi o è anche una questione organizzativa interna? (anche perchè un’amica di famiglia mi segnala che se si è disposti a pagare per via privata, il posto si trova…come sempre nella sanità italiana). Mio figlio è stato visitato nei termini solo perchè ha un genitore combattivo che conosce leggi e regolamenti (ivi compreso il relativo art. della Costituzione sul diritto alla salute), ma tutti gli altri bimbi che hanno genitori meno disponibili allo scontro?
    Insomma Caro Cariglia, per i tagli siamo tutti con voi, ma la sensazione è che comunque si possa fare meglio.
    Cordialmente
    Massimo Scalas

Lascia un commento