fondi revocati. FORZA ITALIA SOSTIENE SINDACO E GIUNTA

"Un fatto taciuto da chi ha governato prima di noi, e che adesso merita il dovuto approfondimento"
Il logo di Forza Italia

PISTOIA. Forza Italia, a nome del coordinamento provinciale e comunale, è determinata a sostenere il Sindaco e tutta la sua Giunta sulla vicenda emersa dei 400 mila euro di fondi revocati dalla Fondazione Cassa di Risparmio.

La questione è ormai nota: il Sindaco Tomasi nello scorso consiglio comunale ha annunciato che i 450 mila euro di finanziamento in carico della Fondazione Cassa di Risparmio, e destinati alla scuola d’infanzia La Girandola, da poco inaugurata, ed anche per la riqualificazione di Palazzo Fabroni, sono stati revocati dalla stessa nel 2016.

Nonostante questo, le risorse erano state comunque inserite nel bilancio di previsione 2017.

Ciò, ovviamente rappresenta un fatto di enorme rilevanza politica che riguarda la precedente amministrazione, ovvero quella a guida di Samuele Bertinelli.

Alessandro Tomasi

Il Sindaco Tomasi, infatti, spiega che nel Gennaio 2015 la Fondazione scrisse ai precedenti amministratori che “in mancanza di comunicazione sui ritardi, dovremmo provvedere alla revoca dei contributi”.

Non risulta agli atti alcuna risposta in merito a questa comunicazione, da parte del Sindaco nè di chi preposto.

Cosa è successo? Disattenzione? Lassismo? Disinteresse? Ciò che resta è il fatto, grave, che indubbiamente avrà delle ripercussioni sul bilancio.

Un fatto taciuto da chi ha governato prima di noi, e che adesso merita il dovuto approfondimento.

Forza Italia, attraverso gli esponenti istituzionali e dirigenti tutti chiede con forza, e subito, che si faccia chiarezza, perché per noi è sempre in primo piano la legalità, la trasparenza, e le responsabilità politiche.

[gramigna — portavoce fi provinciale]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento