FRAGAI E IL “DECALOGO DELL’ELETTORE”

«Il minore dei mali è usare con accortezza l’archibugio e sostenere qualcuno non a casaccio o sulla base della più intensa propaganda elettorale»
Agostino Fragai
Agostino Fragai

PISTOIA. L’ex Assessore regionale alle riforme istituzionali e al rapporto con gli enti locali, Agostino Fragai, a pochi giorni dalle elezioni, sul suo profilo facebook è tornato a far sentire la propria voce:

Il 31 maggio si vota. Il 31 maggio (o giù di lì) saranno trascorsi cinque anni dal mio ultimo impegno politico e istituzionale. La rottamazione l’ho evitata (fortunosamente) ripiegando sul ritorno al lavoro nell’industria, ricominciando da dove ero partito molti anni fa e dove gli elettori amano (almeno così si dice) veder tornare i politici dopo un certo numero di anni vissuti nei “palazzi”.

Assopita la frizzante stagione della “rottamazione” a cui non pochi (e non sempre bravi ) sono sopravvissuti, si pone comunque oggi il dilemma su come scegliere i nuovi rappresentanti istituzionali. Per farlo, lo strumento, “l’arma” che ci viene fornita anche in Toscana (il voto di preferenza) è meno attuale di un archibugio ma in compenso più pericoloso perché c’è il concreto rischio che scoppi in faccia non ad una sola persona ma a tutti gli elettori.

Dopo le elezioni scopriremo (parlo dell’Italia in generale) che risulteranno eletti consiglieri regionali persone non degne, la cui onorabilità sarà ripristinata a furor di preferenze e disserteremo a lungo sulla degenerazione della politica.

Nel frattempo solo i candidati a Presidente di Regione per dovere di ufficio provano a strappare qualche voto agli avversari mentre le altre decine e centinaia di candidati (loro malgrado) dimentichi della destra e della sinistra perseguitano nell’ordine i parenti, gli amici, le associazioni (sempre amiche), gli iscritti e gli elettori del proprio partito e non perdono neanche un minuto (giustamente, date le regole del gioco) a cercare di convincere gli elettori della parte opposta.

Cosi è…

Mosè
Mosè

Mi permetto di fornire umilmente alcuni consigli per l’uso:

  • 1) Scegliete prima il partito e poi decidete la persona (proprio cosi!)
  • 2) diffidate da coloro che non sono d’accordo in nulla con il programma della lista che li ha candidati
  • 3) cercate di capire se i candidati prima di essere tali hanno fatto qualcosa di importante nella vita e/o nella politica che possa spiegare la loro ambizione di rappresentarvi
  • 4) mettete alla porta chi promette che vi troverà un lavoro
  • 5) applicate alle “promesse” la formula con la quale si stabilisce l’effettivo ammontare della liquidazione: in sostanza più è rilevante la promessa e tanto più alta dovrà essere la tara che dovrete fare
  • 6) le campagne elettorali sono come le feste di matrimonio: si spende sempre di più delle previsioni ma non essendo una festa privata è vostro diritto, per legge, sapere la verità
  • 7) siamo a ridosso del voto e se scoprite una mela marcia buttate via il cestino: non accontentatevi di sentirvi dire che c’è capitata per caso. Diversamente sulla bilancia del risultato farà comunque peso
  • 8) i candidati più sono di lungo corso e più meritano attenzione. Infatti, se davvero bravi sono una garanzia, ma se sono scampati al tsunami di questi anni solo perché più furbi dovrete provvedere voi
  • 9) siate più benevoli con le candidate: di norma hanno comunque faticato per riuscire ad arrivare alla vostra attenzione
  • 10) dopo aver letto le istruzioni non andate al mare.

Vedi anche:

  1. http://www.linealibera.info/fragai-un-garante-e-i-suoi-limiti/
  2. http://www.linealibera.info/condor-scriccioli-fragai-letica-e-la-sindrome-di-luselin-dela-comare/

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento