FRANCESCO, IL BAR CRUDELIA E IL VIVARELLI CHE SOPPIANTA LUIGI EGIDIO A TVL

Gli ho chiesto che aria tiri, in redazione, dopo l’imprevisto e imprevedibile passaggio di consegne avvenuto di nascosto: silenzio ermetico
Francesco Rossano, coordinatore della redazione di Tvl
Francesco Rossano, coordinatore della redazione di Tvl

PISTOIA. Ho incontrato Francesco Rossano, uno dei giornalisti in forza a Tvl, all’ora di pranzo, al Bar Crudelia, in via Borgognoni, a Pistoia.

Gli ho chiesto che aria tiri, in redazione, dopo l’imprevisto e imprevedibile passaggio di consegne avvenuto, di nascosto, tra Luigi Bardelli e Alberto Vivarelli.

Senza nemmeno degnarmi di uno sguardo, ma continuando imperterrito a mangiare sfogliando un quotidiano, mi ha solo consigliato di chiamarli.

“No, Francesco – mi sono permesso il lusso di specificare –. Non volevo sapere da Luigi e da Alberto i motivi di questo inaspettato passaggio di consegne: volevo solo sapere da te, che fai parte della redazione, come il nucleo di giornalisti e operatori dell’emittente televisiva abbia reagito a questo trapasso che ha semplicemente dell’epocale”.

“Chiamali, se vuoi sapere qualcosa”, ha ribadito con distaccata ostinazione.

Mi è sorto il dubbio di non essere stato chiaro e per questo ho provato a riformulare la domanda, ma anche stavolta, la risposta, è stata la solita: “Telefona a loro, se vuoi sapere qualcosa. Io, le mie impressioni, me le tengo dentro e poi, non ho capito perché mi rivolgi proprio ora la parola visto che sono anni che eviti di salutarmi”.

Dovrebbe immaginarselo, Francesco Rossano, così come tutti gli altri della redazione di Tvl, per quale motivo, da tanti anni, ho smesso di avere con loro un rapporto qualsiasi. È esattamente da quando Luigi Bardelli, allora Direttore senza le ombre di Alberto Vivarelli sull’uscio, decise di cacciarmi dalla redazione solo per aver rivolto, a Giuliana De Sio, vincitrice del Vallecorsi, una domanda di troppo, una domanda sull’amianto; più che pertinente, visto che l’evento si svolgeva alla Breda (vedi).

Allora, nessuno della Redazione, Francesco Rossano in prima linea, indisse un estemporaneo comitato, o fece uno straccio di comunicato di sdegno o ebbe almeno parole di solidarietà e conforto nei miei confronti di fronte a un licenziamento senza coda. Ma con un capo, sì!

E se Alberto Vivarelli non fosse succeduto, così bruscamente e imprevedibilmente a Luigi Bardelli, caro Francesco Rossano, senza offese, avrei continuato a ignorarti come ho fatto in questi tredici anni: perché anch’io ho le mie opinioni che preferisco tenere per me.

E se la sorte quotidiana non dovesse riservarci altre incredibili sorprese, continuiamo così: facciamoci del male, ti prego! Non far caso al dovere – a cui non facesti caso nemmen quando fui licenziato – che la legge dell’ordine impone ai giornalisti: quello di stabilire rapporti di collaborazione (se non amichevole, almeno civile) con gli altri colleghi…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “FRANCESCO, IL BAR CRUDELIA E IL VIVARELLI CHE SOPPIANTA LUIGI EGIDIO A TVL

  1. Gigio se rivedi Rossano, gli chiedi perché da tvl nessuno mi ha fatto gli auguri x il mio compleanno dopo aver fatto 3 anni di trasmissioni all’emittente locale? Forse perché io i miei pensieri li ho detti apertamente? Loppa

Lascia un commento