«FRASTUONO», L’AGGHIACCIANTE SILENZIO CINEMATOGRAFICO

Frastuono. 1
Frastuono. 1

PISTOIA. Due ragazzi, Iaui e Angelica. Due vite che scorrono parallele nella provincia toscana, con un filo rosso che le lega: la musica. Questo è “Frastuono”, il documentario di Davide Maldi, Nicola Ruganti e Lorenzo Maffucci che sarà proiettato in anteprima giovedì 26 febbraio alle 21.15 al cinema Globo di Pistoia. Girato a Pistoia nell’arco di tre anni e mezzo e presentato al 22esimo Torino Film Festival, “Frastuono” è il racconto di due adolescenze inquiete e di un percorso di crescita alimentato dal desiderio comune di creare musica – psy-trance lui, punk rock lei – finché un viaggio a Berlino non indicherà ai giovani protagonisti la strada da intraprendere.

Prima della proiezione, alle 18, presso i locali della Casa in Piazzetta (Piazzetta Santo Stefano 13, Pistoia), gli autori e il produttore del film Dario Zonta (già produttore di documentari quali “La bocca del lupo” di Pietro Marcello e “Sacro Gra” di Gianfranco Rosi, oltre che critico cinematografico e co-autore del programma “Hollywood Party”, in onda su Radio Tre) incontreranno il pubblico per discutere del panorama cinematografico italiano contemporaneo. Coordinerà Michele Galardini, dell’associazione PromoCinema. L’evento anticipa il festival di cinema Presente Italiano, che si svolgerà a Pistoia nel mese di ottobre.

“Frastuono” è la storia di Iaui, nato e cresciuto in una comunità autogestita sull’Appennino tosco-emiliano, un ragazzo dei boschi che non perde mai la sua aria trasognata. Ogni giorno scende dalla montagna per frequentare il liceo artistico di Pistoia, e suo sogno è produrre musica psy-trance e suonarla nei festival in giro per il mondo. Angelica è una ragazza dall’animo punk-rock, vive in città e ricerca la sua musica suonando con una band di amici. Fin da piccola ha preso l’abitudine di filmare se stessa e tutto ciò che la incuriosisce. La vita di provincia di questi due adolescenti scorre tra attese, tempi morti e improvvise accelerazioni. Il frastuono dei loro sogni trascinerà Angelica e Iaui a Berlino, e da lì la loro avventura giungerà a un cambiamento, un punto di non ritorno.

Frastuono. 2
Frastuono. 2

“Nonostante il titolo, il film è fatto di silenzi. Il frastuono è l’interruzione del silenzio, che per essere ascoltato richiede tutta l’attenzione dello spettatore”, spiega Davide Maldi. Ma è anche quello interiore e inesprimibile dei due protagonisti, che trova un suo canale di scarico attraverso la musica. E continua – il film nasce dall’unione di due progetti paralleli, il mio e quello di Nicola e Lorenzo, entrambi concentrati sui giovani musicisti della scena contemporanea indipendente, non solo della Toscana. La conoscenza comune di Angelica e Iaui ha fatto convergere le due idee ed è diventato sempre più centrale il racconto della crescita e dell’adolescenza, avendo le voci di chi si faceva conoscere attraverso la musica”. Racconta Lorenzo Maffucci.

“Io e Nicola avevamo aperto una sala prove popolare a Pistoia che accoglieva giovani che volevano suonare, e quello è stato un punto di convergenza perché lì abbiamo conosciuto Angelica, mentre Iaui lo abbiamo intercettato in un’autogestione del suo liceo artistico. Il nostro tentativo è stato quello di raccontare l’adolescenza e la musica come romanzo di formazione, soprattutto che cosa accade ai giovani di provincia quando escono dalla propria stanza con un progetto, in questo caso la ricerca di suoni.”

[cinema globo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento