frodi mascherine, IL SINDACO: “L’ILLEGALITÀ SI COMBATTE SENZA ESITAZIONE, LA CITTÀ DI PRATO HA I GIUSTI ANTICORPI”

L’indagine scaturita da un controllo degli ispettori della Asl e dal lavoro di Procura e Guardia di Finanza
Produzione illegale di mascherine

PRATO. “L’illegalità va sempre combattuta con forza e anche in questa vicenda Prato ha dimostrato di avere alta l’attenzione e i giusti anticorpi. Ringrazio per l’attenzione, lo scrupolo e la professionalità la Procura della Repubblica e la Guardia di Finanza che hanno dato seguito a un’indagine importante che, fra l’altro, nasce da un dei tanti controlli degli ispettori della Asl nelle aziende”.

Il sindaco Matteo Biffoni interviene sull’inchiesta sulla produzione illegale di mascherine: “Una vicenda vergognosa, soprattutto perché è stato compiuto uno dei reati più odiosi, lo sfruttamento dei lavoratori, il tutto per una produzione in questo momento strategica come quella delle mascherine, forniture che oltretutto erano pagate con soldi pubblici frodando su una gara pubblica — ribadisce Biffoni —. Il segnale di reazione è però forte e univoco: dalla Guardia di Finanza alla Procura al Dipartimento di prevenzione della Asl, tutti hanno dimostrato massima attenzione nel bloccare questo sistema illegale che deve essere estirpato dal nostro territorio”.

[edr — comune di prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email