giolitti aveva capito. PER I NEMICI LE LEGGI SI APPLICANO, PER GLI AMICI SI INTERPRETANO

Chi dovrebbe difenderci dai soprusi del potere, se sono proprio le «autorità costituite», tanto care alla Gip Patrizia Martucci, a adottare due pesi e due misure se non anche tre, quattro, cinque, enne alla enne…?



IL POPOLO È ASSOLUTAMENTE LIBERO

DI CREDERE DI ESSERE LIBERO


 

 

Giolitti, che mi risulti, non ha mai abitato a Pistoia. Eppure a Pistoia il giolittismo vive, impera e dilaga.

Una dimostrazione ce la dà la procura della repubblica, che qualche ora fa – oggi è il 6 aprile 2022 – ha risposto a una mia richiesta di accesso, che però risale nel tempo al giorno 8 febbraio 2022.

Tra le due date corrono giorni 57, con 8 sabati e 8 domeniche. Le disposizioni di legge sull’accesso prevedono risposte entro 30 giorni. Se l’accesso viene differito, se ne deve dare motivazione: ma non due mesi dopo, perbacco! Sùbito. Qui sembra di essere a fissare una visita specialistica al Cup!

Il “regno della giustizia” di Pistoia, la casa dalle finestre che ridono del terzo piano – fra l’altro esplicitamente citato nella risposta che potete leggere –; quel baluardo che dovrebbe rappresentare la garanzia della legalità e del rispetto della Costituzione e del cittadino, funziona solo secondo la massima giolittiana. Ed ecco la prova.

La mia richiesta d’accesso è respinta 57 giorni dopo perché presentata in maniera irrituale La documentazione dell’avvocata Giovanna Madera pro Perrozzi è accettata comunque

Allora delle due l’una:

  1. o passa tutto (parità, terzietà, imparzialità, rispetto sostanziale della legge)

  2. o si stoppa tutto (ma tutto: non solo quello che fa comodo e basta, secondo il giolittismo discrezionale del sostituto Claudio Curreli, elemento su cui poi si fa grossa l’avvocata Elena Giunti difensora del ragionier non-dottor Romolo Perrozzi)

Chi dovrebbe difenderci dai soprusi del potere, se sono proprio le «autorità costituite», tanto care alla Gip Patrizia Martucci, a adottare due pesi e due misure se non anche tre, quattro, cinque, enne alla enne…?

Le brillanti asserzioni irrituali dell’avvocata Giovanna Madera. Il sostituto Claudio Curreli, però, ha impacchettato il tutto nel famoso maxi-processo politico di cannoneggiamento putiniano anti Linea Libera

Come può uno scoglio arginare il mare? Anche se non voglio, torno a criticare: perché nella cosiddetta giustizia (?) pistoiese non riesco a trovare né rispetto delle regole né terzietà né imparzialità. Senza parlare dell’omertà che pervade, sul tema, politici, tecnici, giornalisti e – non ultimi – avvocati che, sull’ambiguità del silenzio, basano il proprio successo professionale ed economico.

E finché non sarà dimostrato il contrario, me ne resto molto serenamente della mia ferrea logica opinione.

Edoardo Bianchini
[direttore@linealibera.info]


L’avvocata Giovanna Madera (Ordine degli avvocati di Prato), svincolata da qualsiasi scrupolo deontologico-professionale, non solo non è stata toccata dalla disciplinare dell’ordine-confraternita avvocatile, ma ha quasi avuto una coccarda di merito da primo premio.

 

E meno male che questi amano la giustizia e odiano l’iniquità…

Ecco perché gli ordini (Csm compreso e per primo) dovrebbero essere cancellati a suon di missili o di droni da “bombardìo”, come ci disse, suscitando la nostra ilarità di studenti liceali, nel 1966, la guida austriaca che ci illustrava le bellezze del castello di Salisburgo.


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email