GIORGI E CLERICI APRONO LA STAGIONE SINFONICA

Umberto Clerici [foto Laura Stanca]
Umberto Clerici [foto Laura Stanca]
PISTOIA. La Stagione Sinfonica 2014/2015 della Fondazione Pistoiese Promusica, promossa e sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e curata dal Direttore Musicale Daniele Giorgi, apre il 2015 al Teatro Manzoni di Pistoia con un concerto molto atteso (giovedì 15 gennaio, alle 21): nuovamente protagonista, dopo il brillante esordio dello scorso ottobre, l’Orchestra Leonore – Fondazione Promusica Pistoia, diretta dallo stesso Giorgi, stavolta assieme al solista Umberto Clerici, carismatico violoncellista, astro del concertismo internazionale.

Radici popolari, pulsioni romantiche e dominio della forma: queste le linee guida del bellissimo programma della serata, con l’esecuzione del Concerto per violoncello e orchestra n. 2 in Si minore Op. 104 b. 191 di Antonìn Dvořák, largamente riconosciuto come uno dei suoi più grandi capolavori, scritto nel 1894-95 durante il soggiorno negli Stati Uniti del compositore boemo e nel quale si fondono le influenze “americane” e la matrice classica europea originaria.

Il Concerto verrà proposto nella versione ‘americana’, con il finale originale, di rarissima esecuzione, che fu poi modificata in seguito dallo stesso Dvořák nella versione comunemente nota. La serata riserverà al pubblico anche una preziosa ‘sorpresa musicale’, legata ad un particolarissimo, romantico, episodio della vita privata di Dvořák.

Completa il programma la maestosa Sinfonia n. 3 in Fa maggiore Op. 90 composta da Johannes Brahms nel 1883, all’apice della fama e della maturità creativa e che vedrà Clerici, in questa serata, anche in veste di primo violoncello dell’Orchestra Leonore: un gesto simbolico con cui il violoncellista dimostra di aderire con entusiasmo al progetto “Listen 2.0” della Fondazione Promusica.

Umberto Clerici è nato a Torino nel 1981, si è diplomato al Conservatorio Verdi della sua città, perfezionandosi in seguito con alcuni tra i più importanti violoncellisti, come Mario Brunello, David Gèringas e Steven Isserlis e conseguendo il Meisterdiplom presso l’Università di Augusta e Norimberga (Germania). Pluripremiato in vari concorsi internazionali, tra cui lo “Janigro” di Zagabria e il “Rostropovich” di Parigi, è l’unico violoncellista italiano assieme a Mario Brunello ad avere vinto un premio al Concorso Čajkovskij di Mosca.

Dal debutto, all’età di 17 anni, ha suonato con innumerevoli orchestre (Filarmonica di San Pietroburgo, Brighton Philharmonic, Russian State Orchestra di Mosca, Philarmonia Wien, Filarmonica di Zagabria, ORT-Orchestra della Toscana) e si è esibito nelle più importanti sale da concerto, tra cui la Carnegie Hall di New York, il Musikverein di Vienna, la Grande Shostakovich Hall di San Pietroburgo e l’Auditorium Parco della Musica di Roma. Nel 2003 ha debuttato al Festival di Salisburgo e nel 2012 ha eseguito le Variazioni Rococò di Čajkovskij con l’Orchestra del Teatro Regio di Torino diretta da Valery Gergiev.

Tra i numerosi riconoscimenti che ha ricevuto ricordiamo, nel 2003 a Firenze, il “Pentagramma d’oro” del premio “Galileo 2000” (insieme al celebre violinista Uto Ughi e al premio Nobel per la Pace Shimon Peres), il premio “Mozarteum” a Salisburgo, il premio “Pressenda” 2005 come migliore giovane solista dell’anno, e il premio “Scanno” 2007.

Daniele Giorgi [foto Filippo Basetti]
Daniele Giorgi [foto Filippo Basetti]
Attualmente è professore di violoncello presso l’Università di Sydney e presso l’Accademia estiva dell’Università Mozarteum di Salisburgo. Per quattro anni primo violoncello presso il Teatro Regio di Torino, ha collaborato, come primo violoncello ospite, anche con l’Orchestra della Filarmonica del Teatro alla Scala di Milano. Dal 2014 è Primo violoncello Solista della Sydney Symphony Orchestra presso la famosa Opera House di Sydney. Suona un violoncello Carlo Antonio Testore, costruito a Milano nel 1758.

Daniele Giorgi è direttore d’orchestra, compositore e violinista, Daniele Giorgi considera una ricchezza irrinunciabile dedicarsi alla musica da più prospettive. Nato a Firenze nel 1970, si diploma in violino con il massimo dei voti presso il Conservatorio Luigi Cherubini perfezionandosi in seguito al Conservatorio (Scuola Universitaria di Musica) della Svizzera Italiana. Dal 1999 violino di spalla dell’Ort – Orchestra della Toscana, nel 2003 inizia a dedicarsi alla direzione d’orchestra sotto la guida di Piero Bellugi e Isaac Karabtchevsky. Nel 2004 vince il 2° premio assoluto all’ottava edizione del Concorso Internazionale per Direttori d’Orchestra “Antonio Pedrotti” di Trento, aggiudicandosi inoltre il premio speciale del pubblico e il premio per la migliore esecuzione del brano di musica contemporanea. Da quel momento collabora con numerose orchestre fra cui la Haydnorchester di Trento e Bolzano, l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, l’Orchestra di Padova e del Veneto, l’Ort – Orchestra della Toscana, la Czech Chamber Philharmonic.

Nel luglio 2006 ha inaugurato il 31° “Cantiere d’Arte” di Montepulciano, festival internazionale fondato nel 1989 da Hans Werner Henze. Nel settembre 2006 è stato invitato alla “Sagra Musicale Umbra” sul podio dell’Orchestra della Toscana per la prima esecuzione italiana di Die beiden Pedagogen di Mendelssohn. Nel 2008 è stato preparatore della Symphonica d’Italia per i concerti diretti dal M° Lorin Maazel. Dal 2004, anno in cui è nata la Stagione Sinfonica della Fondazione Pistoiese Promusica, ha collaborato regolarmente con l’Orchestra Promusica come direttore per nove Stagioni. Accompagnati dalla sua bacchetta hanno suonato solisti come Yuri Bashmet, Kolja Blacher, Stanislav Bunin, Michele Campanella, Renaud Capuçon, Umberto Clerici, Roberto Cominati, Enrico Dindo, Ingrid Fliter, Ilya Grubert, Freddy Kempf, Karl Leister, Viktoria Mullova, Igor Oistrakh, Miklós Perényi, Boris Petrushansky, Marco Rizzi, David Russell, Viktor Tetriakov, Francois-Joel Thiollier.

Dalla Stagione 2014/2015 è il Direttore Musicale della Stagione Sinfonica della Fondazione Pistoiese Promusica.

Prevendita Biglietteria Teatro Manzoni 0573 991609 – 27112; per informazioni e per il programma completo della stagione Fondazione Pistoiese Promusica www.fondazionepromusica.itinfo@fondazionepromusica.it 0573 974246/974249

[marchiani – teatro manzoni]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento