GIORGIA MELONI, PICCOLA GRANDE DONNA

Giorgia Meloni a Pistoia
Giorgia Meloni a Pistoia

PISTOIA. Davanti ai cancelli della Breda, Giorgia Meloni con Alessandro Capecchi incontra operai e sindacati e promette un’interrogazione parlamentare per favorire un tavolo tra Hitachi e le rappresentanze unitarie dello stabilimento pistoiese.

La richiesta dei lavoratori della Breda è relativa alle scelte operative del prossimo futuro, che per il momento Hitachi tiene riservate, per non avvantaggiare la concorrenza – così dice.

Qualcuno ha chiesto a Giorgia Meloni cosa pensa dell’immigrazione in Italia e in Toscana in particolare.

Alessandro Capecchi con Giorgia Meloni all Breda
Alessandro Capecchi con Giorgia Meloni alla Breda

La risposta è stata che l’Europa non ci serve, ma ci costa 10 miliardi più di quelli che riceviamo; non è disposta a intervenire a tutela delle nostre coste, ma pretende che l’Italia dia la massima accoglienza!

In Africa ci sono 200 milioni di persone che subiscono la guerra: come potremmo ospitarli e aiutarli tutti?

Giorgia Meloni conclude che dobbiamo chiudere le frontiere, appoggiare il governo libico di Tobruk e disciplinare il diritto d’asilo per distribuire i rifugiati tra i vari paesi europei.

È un metro e mezzo di donna con le ballerine ai piedi, non le importa apparire, ma è un concentrato di convinzioni – e la parola, come sappiamo, non le difetta.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento