GIORNALI, PARTE LA RACCOLTA FIRME

Tutta roba da scordare in nome del nudo e crudo profitto...?
Tutta roba da scordare in nome del nudo e crudo profitto…?

CUTIGLIANO-MONTAGNA. I cittadini della Montagna iniziano a mobilitarsi e a contarsi. Parte da Cutigliano, anche perché direttamente coinvolto, l’iniziativa di raccogliere le firme da inviare al Prefetto di Pistoia e per conoscenza ai quattro Comuni della Montagna.

Il Sindaco di Cutigliano si è reso disponibile a consegnare le firme in Prefettura. Di seguito il testo che accompagna i moduli per raccogliere le firme.

CITTADINI DELLA MONTAGNA PISTOIESE

Spett. Prefettura di Pistoia
E p.c. Comune di Cutigliano
Comune di Piteglio
Comune di San Marcello
Comune di Abetone

OGGETTO: Sospensione fornitura giornali.

La Montagna Pistoiese sta attraversando, da ormai diversi anni, una situazione di esponenziale declino. Beni e servizi essenziali per vivere in maniera dignitosa vengono progressivamente sottratti a questo territorio, alla sua popolazione e ai villeggianti che scelgono la nostra montagna come meta turistica. A seguito della già rilevante riduzione di importanti servizi (quali la parziale chiusura di alcuni reparti ospedalieri e di molti Uffici Postali) oggi vengono a privarci anche di un fondamentale mezzo di partecipazione con il mondo circostante, nonché di istruzione. Si chiede l’intervento delle Istituzioni Pubbliche affinché non ci vengano sottratti ulteriori servizi, che andrebbero ad aggravare la situazione della nostra montagna.

Nella speranza di un vostro tempestivo e attivo impegno porgiamo distinti saluti.

Scarica qui la lettera e i moduli di raccolta firme

Altri articoli:

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “GIORNALI, PARTE LA RACCOLTA FIRME

  1. Per quello che mi riguarda, non firmerò il modulo raccolta firme perché nella lettera con la quale si chiede ai cittadini di aderire alla protesta, riportando la propria firma, è scritta una cosa non vera :
    “ A seguito della già rilevante riduzione di importanti servizi (quali la parziale chiusura di alcuni reparti ospedalieri) “ quando invece, l’ospedale Pacini è chiuso e al suo posto, ci sono solo ambulatori medici.
    Non sono io a dirlo, ma i medici di Pistoia e gli operatori del servizio emergenza urgenza, basta fargli in modo riservato la domanda e quella è la risposta: ci sono solo ambulatori medici.

Lascia un commento