giornalisti cattolici. PAPA FRANCESCO E L’INFORMAZIONE

Essere informatori, essere cattolici ed essere Papi è davvero difficile…
Antonio Socci e Papa Francesco
Antonio Socci e Papa Francesco

ANTONIO SOCCI è un giornalista cattolico, molto cattolico, forse troppo, tanto da contestare, sonoramente e con regolarità, anche Papa Francesco.

Per questo è ritenuto da molti un vaticanista integralista: la sua critica, diretta e niente affatto sfumata, prevede una contestazione solida, fondata addirittura sulla denuncia della non legittimità della nomina papale, raggiunta – dice lui – con un errore del conclave nella sua elezione (sul fatto, il libro “Non è Francesco”), tutto questo in estrema sintesi.

Ma il fatto è che, in questi giorni, Francesco ha preso carta e penna e ha scritto – dopo tanto tempo e tante critiche – una strabiliante lettera all’acerrimo e indomito contestatore.

Chi conosce i Gesuiti, sa che sono un ordine un po’ particolare: i religiosi, quando si svegliano al mattino, non sanno ancora cosa faranno nella giornata; insomma sono imprevedibili e certamente creativi, sempre rigorosamente ispirati dal Vangelo.

Anche Francesco non ha mancato di distinguersi con delle innovative bizzarrie, dal sapore vagamente demolitorio della tradizione pontificia: l’abbandono delle scarpe rosse, la casa di residenza, l’uso di automobili minimali, la borsa nera personale e altre iniziative insolite.

Lui che – lo ricordiamo – ha avviato il Giubileo della Misericordia, non ha però protestato e non ha minacciato querele sulla persecuzione del Socci.

Anzi lo ha ringraziato e chiesto ancora una volta – e anche a lui – di pregare, mostrandogli riconoscenza sincera.

Il Papa scrive: “…tante delle cose riportate, mi faranno molto bene. In realtà, anche le critiche ci aiutano a camminare sulla retta via del Signore”.

Non è la prima volta che il Papa ha ribaltato i canoni della morale conosciuta e interpretata, e lo ricordiamo con sicura soddisfazione, riconoscendo che tale approccio è un tratto comune che è perseguito dalla linea editoriale di questo giornale, tutelato dalla Costituzione e approvato dai principi della Corte di Giustizia Europea.

Qualcuno della Redazione, dunque, pregherà per Lui (magari, senza dirlo a quel laico incallito del direttore)…

[Alessandro Romiti]

_________________

C’È DI MEZZO IL MARE

Non praevalebunt (le porte dell’Inferno)...
Non praevalebunt (le porte dell’Inferno)…

 

QUEL LAICO INCALLITO del direttore, nel clima assolutamente libero di questo giornale – un clima a cui i compagni pistoiesi di Renzi non credono perché non sanno assolutamente cosa sia la libertà di opinione e il rispetto della stessa…) , ha da aggiungere solo un paio di cose:

  • volesse il cielo che molti giornalisti cattolici, anche della nostra augusta provincia, e che predicano quotidianamente dal pulpito di carta e non solo, avessero ben chiaro in testa cosa significa fare vera informazione ed essere, per giunta, cattolici…
  • volesse il cielo che Papa Francesco non avesse mai fatto iniziare il processo per le fughe di notizie in Vaticano: perché il pontefice ha fatto vedere che, forse, parla in un modo, ma agisce in un altro…

e.b. – cattivissimo me

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “giornalisti cattolici. PAPA FRANCESCO E L’INFORMAZIONE

  1. Buona sera! Io direi due cose:
    – Papa Francesco è un grandissimo esperto di marketing (guardate come ha risollevato uno spento Giubileo con la genialata di Padre Pio…roba da far invidia a Renzi e Berlusconi)
    – i politici nostrani, tanto legati alla loro immagine da dimenticare spesso la sostanza delle cose hanno tutto da imparare da lui…..
    PS. sui giornalisti Nuzzi e Fittipaldi però sono venuti fuori i 2000 anni di chiesa cattolica: specie quei bei tempi andati che tanto riscaldavano le piazze medievali e rinascimentali…..

Lascia un commento