giunte & reticenza. CARI DÈI DEL GOTHA QUARRATINO, MA VOI LAVORATE IN TRASPARENZA O SIETE TRASPARENTI PERCHÉ INVISIBILI?

Il Lions è una libera pubblica associazione che tuttavia agisce nel socio-economico dei territori su cui si estende: perfettamente in regola con la legge e con dio. Se però, appena si chiede chi erano gli assessori attovagliati, tutti fischiettano, guardano a destra e sinistra, fingono di essere clienti dell’Amplifon e via dicendo…

 

Non è assolutamente il caso di Linea Libera, continuamente sotto il tiro di tutti perché tiene tutti sotto tiro. Ma che giornalismo è quello che parla solo di necci, pastasciutte e castagnacci?

 

SE CHI COMANDA FA LE COSE E TACE

IL POPOLO ’NDO’ VA, COTTO ALLA BRACE?

E SE COMANDA E FA TUTTO “ALLA ZITTA”

LA GENTE NON È GIÀ BELL’E CHE FRITTA?

 


Chi c’era in giro quel giorno? Chi di voi è senza peccato, scagli la prima pietra…

 

 

QUALCHE GIORNO FA mi ero occupato della cena del Lions Quarrata e Piana Pistoiese al Croce di Malta di Montecatini.

La collega Piera Salvi aveva scritto su La Nazione che erano presenti e attovagliati (= ospitati a mensa) anche il sindaco di Agliana, Luca Benesperi, e alcuni assessori di Quarrata e di Montale.

Sindaci e assessori, in quanto amministratori (questo lo sa pure il famoso can di Betto) sono personaggi più che pubblici: e tutti dovrebbero essere trasparenti della migliore acqua azzurra/acqua chiara. Ho detto amministratori, non amminEstratori (da minestra).

Per questo di solito si dice che la moglie di Cesare non deve essere neppure sfiorata dal sospetto, con riferimento al divorzio del conquistatore delle Gallie da Pompea, perché le era entrato un uomo in casa. Chi tocca soldi di tutti, deve rinunciare a gran parte della sua privacy e far sapere a tutti cosa fa, e zitto, quando non è sotto le lenzuola!

Il Lions è una libera pubblica associazione che tuttavia agisce nel socio-economico dei territori su cui si estende: perfettamente in regola con la legge e con dio. Se però, appena si chiede chi erano gli assessori attovagliati, tutti fischiettano, guardano a destra e sinistra, fingono di essere clienti dell’Amplifon e via dicendo, scusate tanto, ma permetterete che ci venga qualche qualche piccolo dubbio e sospetto pensando che. chi si vergogna di dire «io c’ero», lo possa fare perché non è in assoluta pace con se stesso?

La domanda rivolta alla segretaria generale, dottoressa Grazia Razzino, ha ottenuto la seguente risposta:

Relativamente alla nota del 26.10.2020 prot. n. 46819, si precisa che le informazioni richieste non sono detenute dall’ente, come ugualmente non risultano detenute, la “gestione” delle stesse, quale rielaborazione dati effettuata a propri fini, né contenuta in altri e distinti documenti in possesso dell’ente.
Pertanto ai sensi dell’art. art. 5, c. 2 e ss del D. lgs 33/2013, e del Regolamento sul procedimento amministrativo ed il diritto di accesso vigente nell’ente, non risulta possibile accogliere la richiesta di accesso civico avanzata.

Ora: cerchiamo di capirci bene. Per chi, come me, ha lavorato una vita intera sui testi e le forme dello stile e della retorica (non solo alla scuola superiore, ma anche all’università; non solo per divertirsi a “gratta & vinci”, ma anche a livello di alta professionalità; non solo per Cinci Frugiataio Editore di Ponte Calcaiola e Fischiperfiaschi, ma anche per altri, un po’ più accreditati) non è difficile capire che questa formalissima forma burocratica, diàccia come una serpe, è un’emerita presa di culo per dire «anche se si sa tutti, ’un te lo dico». Signora Razzino, una cosa così azzittisce solo un pòero diavolo, se lo metta bene in testa.

Come accedere agli atti della Pubblica Amministrazione? La legge non serve a nulla o quasi

E allora come fare per rompere davvero i coglioni a chi sbava come un’anguilla, scappa e cerca di non rispondere? Si lascia la veste curiale del filologo e commentatore di testi, e si indossa la spolverina del cronista che non è leccaculo e che invia questo intervento provocatorio a tutta la giunta di Quarrata, chiedendo ai singoli: «Chi di voi, gente, era alla cena del Lions a Montecatini all’Hotel Croce di Malta?». Alzate la mano, per favore!

E se nessuno oserà farlo, saremo dinanzi a un problema cornuto:

o tutti vergini come la Beata Madre di Cristo
o qualcuno dei giuntaioli è bugiardo e ha la coscienza nera

Nel primo caso, accidenti alla Piera Salvi che ci ha raccontato una balla; nel secondo, dio ci scampi da certi campioni di correttezza, legalità e trasparenza! Che ne dice, avvocata Marini, assessora alla legalità?

A Marco non rivolgo domanda – sennò sparisce a salti come i merli e lo ritrovi alla Pineta a giocare a burraco…

Edoardo Bianchini
[direttore@linealibera.info]
Art. 21 e pillore di clorochina anti-Covid a tutta randa!

 

Campa cavallo, che l’erba cresce! | Da questa parte proprio ’un se n’esce!

 

Dal Vangelo secondo Luca [22, 70-1]: Allora tutti esclamarono: «Tu dunque sei il Figlio di Dio?». Ed egli disse loro: «Lo dite voi stessi: io lo sono». 71 Risposero: «Che bisogno abbiamo ancora di testimonianza? L’abbiamo udito noi stessi dalla sua bocca».
Lui non ebbe timore a rispondere e ad essere davvero trasparente… And you, partigiani antifascisti dell’Anpi?


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email