GIUNTOLI SU COMICENT: «NIENTE DI NUOVO RISPETTO AGLI ULTIMI ANNI»

L'Assessore Regionale Gianni Salvadori
L’Assessore Regionale Gianni Salvadori

PESCIA. Venerdì scorso ho assistito a un convegno organizzato dal CIA dal titolo “Scenari del florovivaismo – dalla produzione alla commercializzazione” alla presenza dell’assessore regionale al ramo Salvadori.

Se la finalità era avere risposte dalla regione in merito alla crisi del settore e al futuro del Comicent-mercato dei fiori, al di là del merito dell’iniziativa e della buona volontà degli organizzatori, debbo dire che il convegno è servito a poco. Nessuna risposta dall’assessore, che si è limitato a propinare la solita storia che gli imprenditori devono essere artefici del proprio destino, che è finita l’epoca dei finanziamenti a pioggia alle imprese, che il mercato è dentro le mura ma esiste come luogo “metafisico” commerciale soprattutto fuori, che il distretto floricolo interprovinciale svolge un ruolo fondamentale ed è l’interlocutore della regione e così via. Ovvero niente di nuovo rispetto agli ultimi anni. Ci si dimentica naturalmente di dire, oltre a non fare mai una sana autocritica, che la Regione è titolare della programmazione del settore e che il mercato è di proprietà della Regione stessa che evidentemente ha la solo preoccupazione di affibbiarlo al Comune per poi liberarsi da ogni responsabilità.

Lo dico con chiarezza. Questo atteggiamento da parte dell’amministrazione regionale è inaccettabile; almeno fino a qualche anno fa’ le amministrazione precedenti riconoscevano la crisi e si preoccupavano di attivare tavoli di concertazione regionali; oggi niente. Probabilmente l’assessore avrà detto cose più interessanti alla cena privata a cui a partecipato dopo insieme ad alcune rappresentanze delle categorie economiche con l’altro candidato alle primarie, che notoriamente è più collegato di me alla giunta regionale presieduta da Rossi. D’altra parte si sa, i candidati renziani non sono così apprezzati sul territorio, perché probabilmente parlano un linguaggio schietto di verità che il vecchio sistema di potere regionale e locale non vuol ascoltare

Detto questo, ribadisco la mia posizione. Le Regione Toscana insieme al Comune di Pescia deve attivare un tavolo di concertazione con gli operatori (che sono ancora tanti in zona) e le categorie, per andare oltre il distretto floricolo interprovinciale che in questi anni ha prodotto poco o niente, e redigere un progetto che parta dalla necessità di fare sistema in questa realtà e concorrere, con progetti di sistema per l’appunto, all’ottenimento degli ingenti finanziamenti Europei dei piani di sviluppo rurale (oltre 960 milioni di euro nei prossimi 5 anni) a disposizione della Toscana.

Una foto nostalgica del mercato dei fiori
Una foto nostalgica del mercato dei fiori

Progetto di sistema significa prevedere una vasta riqualificazione del processo produttivo con investimenti in innovazione, significa dotarsi di un marchio dei fiori e delle piante legato al territorio, significa rilanciare una manifestazione promozionale internazionale con il marchio “Biennale”, significa investire sul Mercato come centro di servizi alla produzione e commercializzazione, significa attrezzarsi sul piano del marketing per trovare nuovi canali di vendita che valorizzino le produzioni locali di eccellenza e qualità, se del caso attivandosi anche a livello di legislazione nazionale per tutelarle da una concorrenza subdola e sleale.

Naturalmente fino a quando non viene iniziato questo percorso complessivo di rilancio, la proprietà della struttura se la tiene la Regione e ci deve investire per adeguarla in termini di legge sulla sicurezza

Ci sono sempre tante aziende in queste realtà che ci credono e tanti giovani che vi operano, questa rimane tutt’oggi la prima economia della città. Dobbiamo ritornare ad essere ambiziosi e pensare in grande. La politica ha questo compito e non può lasciare soli gli imprenditori.

Andrea Giuntoli
Candidato Sindaco Pd

SU FACEBOOK:

 https://www.facebook.com/lineefuture

SU TWITTER:

 https://twitter.com/LineeFuture

PER COMMENTARE:

 http://linealibera.info/come-registrarsi-su-linee-future/

OPPURE SCARICA:

 Registrarsi su «Linee Future»

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento