GIUSEPPE PIZZA LASCIA DI 4,5 MILIONI DI EURO: E NASCE UN CENTRO DIURNO PER ANZIANI

Giuseppe Pizza, il benefattore
Giuseppe Pizza, il benefattore

PESCIA-VALDINIEVOLE. È stato approvato dalla assemblea dei soci della società della salute della Valdinievole il progetto per la realizzazione di un centro diurno per anziani parzialmente autosufficienti e di due gruppi-appartamento per anziani in situazione di fragilità sociale.

I Comuni di Monsummano Terme, Lamporecchio, Montecatini Terme e l’azienda Usl 3 di Pistoia per questo disponendo di finanziamenti regionali per alcuni progetti (Rsa Anziani insieme, centro sociale, Aba Palazzo comunale-ascensore, comunità per minori Villa Silenziosa-Il Fienile) presentati nel 2010 nell’ambito del programma degli investimenti sociali hanno deciso di convogliare tutte le somme residue nella ristrutturazione di una villa di Collodi, parte del lascito testamentario milionario alla società della salute della Valdinievole (circa 4,5 milioni di euro) da parte di un ex imprenditore pesciatino – Giuseppe Pizza – che aveva trascorso i suoi ultimi anni di vita all’interno della residenza per anziani “Minghetti” di Spicchio così da attuare il progetto multivalente “Centro Diurno per anziani parzialmente autosufficienti e gruppi appartamento per anziani in situazione di fragilità sociale”. Un progetto complessivo da 700 mila euro di cui sono già disponibili 350 mila euro.

Quell’uomo per certi versi sembrava non benestante e viveva ai limiti della povertà. Solo una volta aperto il testamento è stato scoperto l’ingente patrimonio lasciato alla Società della Salute della Valdinievole con l’obbligo di utilizzarlo per accudire gli anziani.

Il comune di Lamporecchio ha rinunciato alla realizzazione di un ascensore presso il palazzo comunale (25 mila euro) ; l’amministrazione comunale di Montecatini ha optato di non destinare le somme assegnate (100 mila euro) ai lavori di adeguamento alle normative antincendio dell’ex casa di riposo di viale Adua ai fini del riutilizzo; il Comune di Monsummano invece non utilizzerà le somme ricevute (30 mila euro)per il completamento dell’area ex Macelli mediante la ristrutturazione del primo piano dei locali posti all’interno del complesso del centro sociale; l’Asl da parte sua ha rinunciato alla realizzazione del Progetto “Comunità per Minori Villa Silenziosa – Il Fienile”, e di conseguenza all’assegnazione del relativo finanziamento regionale che ammontava a Euro 170.000,00.

La residenza Minghetti per anziani a Spicchio di Lamporecchio
La residenza Minghetti per anziani a Spicchio di Lamporecchio

A quattro anni dalla morte del 94enne “facoltoso” anziano (proprietario oltre dell’edificio di Collodi anche di terreni, boschi e immobili tra la provincia di Pistoia e Lucca) la Società della Salute della Valdinievole ha predisposto un progetto che prevede il recupero, la ristrutturazione e la riqualificazione del complesso immobiliare “Lascito Pizza” (composto da tre piani nel centro abitato di Collodi) per la realizzazione di un Centro Diurno per numero 15 anziani parzialmente autosufficienti e realizzazione di numero 2 gruppi appartamento (6 posti ciascuno) per anziani in situazione di fragilità sociale.

L’obiettivo generale del progetto è quello di dare una risposta ai bisogni del territorio in termini di strutture semiresidenziali per anziani realizzando un Centro Diurno che permetta il mantenimento degli anziani al proprio domicilio e sperimentare forme di abitare innovativo. Lo scopo del progetto è quello di ottenere vantaggi tangibili dai servizi del Centro Diurno ma anche dalla opportunità abitativa tutelare innovativa grazie alla collaborazione e alle sinergie con le reti territoriali del volontariato e dell’associazionismo.

Sia il Centro Diurno che i Gruppi Appartamento – nelle intenzioni della Società della Salute della Valdinievole – saranno gestiti tramite appalto, pur mantenendo la titolarità dell’intervento come Sds. L’esternalizzazione del servizio seguirà una linea già presente sul territorio per servizi similari. Rimarranno all’ Ente titolare funzioni di Coordinamento, supervisione, verifica e controllo.

Il personale dovrà avere specifica formazione per la gestione di servizi per anziani e l’organigramma prevederà oltre alla responsabile di struttura, l’ Assistente di Base, l’Operatore Socio-Sanitario, l’Educatore Professionale. Il costo annuo stimabile per la gestione del Centro Diurno sarà di circa € 180.000,00. Il costo annuale stimabile per la gestione dei Gruppi Appartamento è di circa € 15.000 ,00 ciascuno. Il progetto è previsto nel piano triennale dei lavori 2014/2016 e nell’elenco annuale 2014 dell’assemblea della Società della salute (delibera n. 2 del 27/01/2014). Il cronoprogramma prevede la progettazione esecutiva entro la prima metà del mese di agosto 2015, la gara d’appalto a settembre e l’aggiudicazione dell’appalto entro fine novembre così da iniziare i lavori nel gennaio 2016.

L’avvio del centro diurno e dei gruppi appartamento è previsto per il 2017. Il piano finanziario prevede per le opere edili di ristrutturazione edilizia e recuperi funzionali una spesa di 357.000 euro; 147 mila euro per l’installazione di impianti; l’acquisto e messa in opera di arredi (98.000) e la stessa cifra per i consolidamenti statici. Il tutto per un ammontare complessivo di 700 mila euro.

Vedi:

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “GIUSEPPE PIZZA LASCIA DI 4,5 MILIONI DI EURO: E NASCE UN CENTRO DIURNO PER ANZIANI

Lascia un commento