giustizia italiana. A CHI TROPPO, A CHI POCO

Luigi_Bocciolini_Pm
Il Pm Luigi Bocciolini

FIRENZE-PISTOIA. La vicenda della morte di Riccardo Magherini vedrà presto decisa la sentenza del processo di primo grado, ma già da ora è davvero paradigmatica perché offre la possibilità di riconoscere, ancora una volta, la disparità di trattamento che si tiene nelle diverse aule di giustizia della repubblica.

La richiesta del Pm fiorentino Luigi Bocciolini, formulata questa mattina, ci ha riportato alla mente quella avanzata dalla Pm avvocata Patrizia Felcioloni, applicata (come Magistrata aggiunta) nel Tribunale di Pistoia.

Felcioloni2
Patrizia Felcioloni, Pm al Tribunale di Pistoia

Le pene sono stranamente uguali, 9 mesi secchi, nonostante la differenza dei due tipi di previsione di reato: omicidio colposo a Firenze e ipotesi di diffamazione nell’esercizio di un’inchiesta giornalistica a Pistoia.

C’è qualcosa che non torna o ciò pare solo a noi?

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “giustizia italiana. A CHI TROPPO, A CHI POCO

Lascia un commento