GLI “ANIMANTI” DI IOZZELLI ALLO SPAZIO “RESISTENZA 12”

Animante di Giuseppe Iozzelli
Un ‘Animante’ di Giuseppe Iozzelli

PISTOIA. [a.b.] Dal 27 giugno fino al 26 luglio nello spazio “Resistenza 12” a Pistoia sarà visibile la terza installazione di Giuseppe Iozzelli dal titolo “Animanti”.

“Si tratta – spiega lo scultore pistoiese – di modelli per grandi opere, una di queste è quella posta in via Montalbano a Quarrata. Gli Animanti sono evoluzioni di forme animali aspecifiche verso un archetipo animale, simbolo di tutte le forme viventi superiori fino all’umano. Ma sono anche dei passaggi: porte aperte su spazi esistenziali, verso i luoghi creativi dell’anima”.

Iozzelli è del 1956, è un medico di professione ed ha iniziato a creare maschere in cartapesta negli anni 70 più per gioco. Ha quindi approfondito lo studio del volto e del corpo umani e le forme di animali aspecifiche.

Verso la fine degli anni 90 ha iniziato a realizzare grandi forme gravide in cemento armato, esponendo una di queste, nel 2001, ad una estemporanea presso la Stazione Leopolda di Firenze, insieme ad una installazione di opere create con rifiuti raccolti sulla spiaggia. Ha quindi trascorso cinque anni (dal 2002 al 2007) in Tanzania lavorando nell’ospedale del villaggio di Lugarawa, “in condizioni tanto estreme da rendere silente la sua produzione artistica per tutta la permanenza in Africa”.

Una volta tornato in Italia ha ripreso a modellare: ancora qualche volto, gravidanze, animali, elaborazione di rifiuti, e quindi modelli di animanti. A Quarrata oltre al Primo Animante (opera che al momento dal 2012 è ancora collocata davanti  al mobilificio Peruzzi) ha presentato l’anno dopo al Polo Tecnologico una mostra antologica e tre installazioni in sequenza :il Mito, la Luce, il Volo, dal centro della città fino alla Villa Medicea La Magia.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento