GLI ARTIGIANI E IL PRIMO MAGGIO: LA FESTA DEL LAVORO

Simone Balli
Simone Balli

PISTOIA. Confartigianato Imprese Pistoia ci sarà, come ogni anno festeggerà il Primo Maggio, festa del lavoro e dei lavoratori nella sua accezione più ampia.

“È anche la nostra festa – spiega Simone Balli, presidente provinciale di Confartigianato – La festa delle imprese, delle donne e degli uomini che guidano le aziende, di coloro che giorno dopo giorno, operano fianco a fianco dei loro dipendenti. Per noi è la festa della condivisione perché il lavoro nelle piccole e medie imprese, è anche condivisione umana e sociale”.

Nel corso degli anni il Primo Maggio ha ampliato i propri orizzonti, guarda a spazi più ampi perché il tema del lavoro quello che si riceve e si dà, appunto un tema condiviso da dipendenti e datori di lavoro sotto il profilo dei valori.

Del resto, ricorda Balli, non bisogna mai dimenticare l’importanza dei valori espressi dall’artigianato e dalla piccola impresa ed il ruolo svolto dai sistemi associativi per assicurare al Paese stabilità economica e democratica.

“Sono concetti ribaditi anche dal presidente nazionale Giorgio Merletti – dice Balli – che oggi ha guidato la delegazione di Confartigianato Imprese, in visita al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Nel sistema produttivo italiano operano 3 milioni di imprese fino a 20 dipendenti che realizzano circa il 40% del valore aggiunto. Una ricchezza produttiva alla quale si somma la capacità di assicurare coesione e inclusione sociale. Ecco perché festeggiamo con pieno diritto il Primo Maggio”.

Numeri, tra le altre cose, che hanno consentito al nostro Paese di resistere alla crisi e sui quali l’Italia deve fare leva per costruire la ripresa: “La piccola impresa – afferma il presidente Balli – è il modello economico italiano, è il modello di sviluppo da seguire. È una presenza forte di cui nessuno può fare a meno, soprattutto quando è necessario ascoltare e confrontarsi. Se riparte l’artigianato, riparte l’economia, a Roma come a Pistoia”.

Quindi una adesione al Primo Maggio per ribadire il concetto che ha reso forte il sistema artigianato in Italia: “Le imprese e i lavoratori dipendenti sono un corpo unico – conclude Balli –, insieme hanno già superato crisi in passato e insieme ci riusciranno anche questa volta”.

[confartigianato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento