GLI STREET COACHES DI FIDAL A PEREDES PER IL RUSH FINALE DEL PROGETTO “GEOLAB”

All’evento parteciperà anche la pistoiese Irene Pagnini

PISTOIA. Si terrà a Paredes (Portogallo) dall’1 al 4 dicembre l’evento conclusivo di GeoLAB, ultima tappa del tour europeo degli Street Coaches e momento di presentazione degli esiti di progetto.
Paredes (Portogallo) è uno dei partner del Progetto GeoLAB, una città che, sotto il profilo dello sviluppo sportivo, promuove e persegue politiche pubbliche per stili di vita sani e attivi e investe nell approccio “sport per tutti”.

In questa sede, dall’1 al 4 dicembre, si svolgerà l’evento finale del Progetto GeoLAB, una manifestazione che alternerà momenti seminariali ad altri dedicati alla pratica sportiva nell’ambito della “Marcia della Solidarietà e dell’Inclusione”.

Per Fidal, capofila del progetto, sarà anche l’occasione per presentare gli esiti del progetto e proporre una strategia di replicabilità e sostenibilità.
Quello dei tre giorni a Paredes è un programma ricco di momenti importanti. Il seminario “GeoLAB Project Final Conference” che si terrà nella mattina del 2 dicembre al Paredes Sport Center vedrà gli interventi di Renato Almeida, Assessore allo Sport del Comune di Paredes, Marco Pietrogiacomi, Responsabile territori FIDAL, Alcídio Jesus, dell’Istituto portoghese per lo Sport e i Giovani (IPDJ), Leonel Ferreira, Responsabile del gruppo di lavoro per l’inclusione e gli sport adattati, Gonçalo Ferreira, tecnico di CACI Sobrosa, Glória Salgado, Coordinatrice CLDS 4G e João Costa, Dipartimento ambiente.

La seconda parte sarà dedicata agli interventi dei responsabili del Progetto GEOLAB, Chiara Spinato e Rossella Moia e alla voce degli Street Coaches di Bulgaria, Croazia, Italia, Portogallo e Slovenia. Chiuderà i lavori Paulo Eusebio, del Comune di Paredes.

[irene pagnini]

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email