glifosato. PISTOIA CAPITALE ITALIANA

Pistoia anche capitale dei pesticidi, oltre che della cultura. Questo è il risultato assicurato dallo sviluppo dei vivai con l’impiego massiccio dei diserbanti a base di glifosato
Diserbanti e pesticidi

PISTOIA. La notizia è apparsa su La Stampa di Torino e riporta — per l’ennesima volta — le conseguenza dell’uso massiccio e indiscriminato dei diserbanti fitofarmaci.

Tali prodotti di sintesi sono delle minacce a breve termine per la salute umana, essendo interferenti endocrini, teratogeni e cancerogeni: lo abbiamo pubblicato in modo ripetuto e per questo ripresentiamo solo il testo pedissequo dell’articolo che richiama Pistoia  con 5mila ettari di vivai e così città Capitale, ma non della Cultura, ahinoi, come ci dice il titolo.

 

LA CAPITALE ITALIANA DEL GLIFOSATO

Il fosso confinante con l’area interessata dal diserbo

“Alle criticità legate al principio attivo, la cui pericolosità è stata per anni sottostimata e anche nascosta, va aggiunto l’uso elevato e ripetuto che se ne fa, dovuto anche al costo molto basso.

Un utilizzo che in certi casi è anche improprio: il rinvenimento di tracce di glifosato nella birra, infatti, mostra come l’erbicida venga utilizzato anche per facilitare il raccolto di cereali come l’orzo”, dice Stefano Benevenuti, ricercatore della facoltà di Agraria dell’università di Pisa.

Proprio in Toscana si trova la capitale italiana del glifosato.

A Pistoia, infatti, gli oltre 5mila ettari di vivai che la rendono città verde d’Europa hanno anche un lato oscuro: l’uso massiccio dell’erbicida.

“Se in agricoltura i trattamenti con il glifosato avvengono una o due volte l’anno, a Pistoia nei vivai si arriva a usarlo con cadenza mensile”, aggiunge Benevenuti.

Come se non bastasse, racconta Marco Beneforti del Wwf, “i vivai si trovano in mezzo alle case, lungo i fiumi anche senza rispettare la distanza prevista dalla legge. Le persone che vivono vicino ai vivai, in molti casi creati dopo la costruzione delle abitazioni, corrono il rischio di inalare i pesticidi.

Non sono mancati casi di intossicazione, e si sono osservati fenomeni di dilavamento nei fiumi di queste sostanze chimiche”.

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento