GLOBAL FRIENDS, I BAMBINI DEL MONDO SI SCRIVONO

A Firenze – Fondata da un gruppo di amici, vuole educare alla diversità partendo dai più piccoli. Una nuova associazione unisce i bambini italiani a quelli del Sud del Mondo con scambi di letterine
Il logo di Global Friends

FIRENZE. Nasce a Firenze Global Friends, la nuova associazione che promuove corrispondenze epistolari tra bambini del Nord e del Sud del Mondo, che vengono messi in relazione attraverso letterine individuali nelle quali si raccontano, descrivono le loro giornate e i loro sogni, disegnano le loro città o i loro villaggi, parlano delle loro famiglie e dei loro giochi.

L’associazione si presenta alla città mercoledì 4 luglio dalle 19.30 al ristorante Quinoa (vicolo di Santa Maria Maggiore 1, Firenze).

Nell’occasione sarà possibile effettuare il tesseramento e gustare l’aperitivo (vino offerto da Tenuta del Buonamico).

Global Friends vanta già quasi due anni di attività pilota, nel corso dei quali sono state messe in contatto, sempre attraverso corrispondenze individuali, 4 classi di Firenze (scuola elementare Niccolini e scuola elementare Torrigiani) con altrettante classi in 4 luoghi diversi del Sud del Mondo: Mozambico, Brasile, Sahara Occidentale, Senegal.

Complessivamente sono già stati messi in contatto quasi 200 bambini per un totale di circa mille letterine.

Obiettivo di Global Friends, è adesso quello di ampliare la propria attività e coinvolgere altri alunni, altre classi e altre scuole in Italia e nel Sud del Mondo. Attraverso queste corrispondenze epistolari, dove i piccoli scrittori sono liberi di esprimersi senza filtri e senza imposizioni da parte di genitori e maestri, i bambini imparano a conoscere i loro coetanei che vivono in altri luoghi del mondo, a guardare il pianeta e vederlo intero.

Foto di gruppo, global friends

L’intento è quello di una auto-educazione alla diversità dal basso, un’educazione alla multiculturalità non filtrata dagli adulti, dove sono gli stessi bambini ad essere parte attiva dell’insegnamento e dell’educazione attraverso la reciproca scoperta, la conoscenza dell’altro e lo scambio di parole.

Obiettivo altrettanto importante del progetto è sviluppare negli alunni le capacità linguistico espressive e le capacità di esprimersi attraverso il dialogo con bambini della stessa età dall’altra parte del mondo.

Le lettere sono scritte dai bambini nella propria lingua, poi vengono tradotte dall’associazione e consegnate ai destinatari con l’originale affiancato dalla traduzione. Nei Paesi del Sud del Mondo, dove logisticamente è più complicato organizzare la scrittura, Global Friends si avvale della collaborazione di associazioni che operano in loco. Nei primi due anni di attività, fondamentale è stato il supporto di Agata Smeralda (Brasile), Associazione Sole e Unicoop (Mozambico), Associazione Città visibili e Arci Firenze (Sahara Occidentale), Cospe (Senegal).

“Nell’epoca dei pregiudizi – ha detto Jacopo Storni, presidente dell’associazione – vogliamo seminare conoscenza, nell’epoca dei muri vogliamo seminari ponti culturali mettendo in relazione coloro che sono i migliori maestri di vita, i bambini, gli adulti del mondo di domani”.

Soci fondatori dell’associazione sono: Jacopo Storni, Francesca Tozzi, Lorenzo Galli Torrini, Enrica Della Martira, Antonio Pirozzi.

Per donazioni IBAN: IT12V0335901600100000160057

[galli torrini]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento