GORBI: «SUL NO ALLA BENEDIZIONE NON MI FERMO»

«Mi domando se ora i rappresentanti dei Cobas Scuola denunceranno le centinaia di Dirigenti Scolastici che in tutta Italia fanno benedire le loro scuole». «Hanno rimosso i crocifissi dalle scuole, adesso vogliono insegnare le teorie del Gender ai nostri figli»
Chi ha paura dell’acqua santa?
Chi ha paura dell’acqua santa?

CASALGUIDI. Federico Gorbi rincara la dose:

La notizia ha creato tante reazioni.

Si sono scomodati personaggi politici nazionali e regionali, qualcuno forse solo per meri fini elettorali, anche se la mia intenzione non era affatto politica.

Qualcuno ha pensato di farne una guerra di religione ma, sin dall’inizio, ho specificato che, laicamente, intendo difendere i diritti di ciascuno, cattolico, musulmano, ebreo, protestante o ateo.

Si sono espressi tre o quattro Presidi a difesa della Dirigente Scolastica di Casalguidi.

Si sono scomodati persino i Cobas della Scuola per ricordare tutte le leggi, le circolari e le delibere utili a dimostrare che i preti devono stare lontani dalle aule.

Mi domando se ora i rappresentanti dei Cobas Scuola denunceranno le centinaia di Dirigenti Scolastici che in tutta Italia fanno benedire le loro scuole.

Quello che più mi interessa però è che mi hanno cercato tante, tantissime persone che nemmeno conoscevo, di Casalguidi, di Pistoia, di Quarrata, di Agliana e anche di fuori provincia per incitarmi ad andare avanti e per affiancarsi a me in questa battaglia.

Allora la Dirigente Scolastica di Casalguidi continui pure a recitare il suo rosario di leggi e leggine ma noi sappiamo che così intende solo nascondersi dietro le norme, come Azzeccagarbugli nei Promessi Sposi, per il fine ultimo di cancellare in un grigiore indistinto il nostro patrimonio culturale.

Alla prossima puntata.

Federico Gorbi

• • •

E GIANNI MANIGRASSO SCRIVE

 

Gianni Manigrasso
Gianni Manigrasso

LA LEGGE dietro cui si nasconde la preside risale al 1992, Don Renzo è 30 anni che benedice i complessi scolastici.

La vecchia preside usava il buon senso, mentre la nuova ha trovato un escamotage dietro cui trincerarsi.

Anche l’anno scorso vi furono polemiche in merito e vu fu una raccolta di firme, ma, nonostante ciò, le firme non sono servite a niente.

Hanno rimosso i crocifissi dalle scuole, adesso vogliono insegnare le teorie del Gender ai nostri figli: e noi come stupidi assistiamo a tutto ciò con il massimo dell’apatia o peggio ancora dell’indifferenza.

Se continuiamo così, dichiararsi cristiani sarà un bollare qualcuno di diverso.

g.m.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “GORBI: «SUL NO ALLA BENEDIZIONE NON MI FERMO»

Lascia un commento