GRATTA E LEGGI: STOP ALLA PUBBLICITÀ SUI GIOCHI D’AZZARDO

Azzardopoli Aiart PistoiaQUARRATA. “Gratta e leggi”: si chiamano così, con evidente richiamo anche grafico a uno fra i più popolari giochi d’azzardo, i “grattini” che saranno distribuiti domani sera, venerdì 22 maggio, a chi parteciperà ad “Azzardopoli, l’illusione di vincere”, una iniziativa di Aiart Pistoia per sensibilizzare sui pericoli, appunto, legati ai giochi d’azzardo.

L’imitazione dei “grattini” che sarà distribuita a Vignole di Quarrata è l’ultima iniziativa presa a livello nazionale da Aiart: una campagna contro la pubblicità del gioco d’azzardo, anche per evidenziare il paradosso per cui lo Stato da un lato incassa sui proventi da questi giochi mentre dall’altro lato spende a causa delle conseguenze sociali degli stessi giochi.

Basterà grattare nell’apposito spazio del tagliando e si scoprirà una frase: “quattro piccole parole – commenta Renata Fabbri, organizzatrice dell’evento, senza svelare la sorpresa – che chiunque farebbe bene a tenere a mente”.

L’appuntamento si svolge (inizio alle 21) di venerdì 22 maggio all’auditorium della Bcc di Vignole e Montagna Pistoiese. Sarà presente Umberto Folena, caporedattore del quotidiano “Avvenire” (una testata molto attenta sui temi delle ludopatie) e autore di un volume (“L’illusione di vincere”) dedicato a questo tipo di dipendenza.

Interverrà anche Cinzia Groppi, neurotossicologa e psicoterapeuta nonché già responsabile presso il Sert della Asl di Pistoia. All’iniziativa, che ha il patrocinio del Comune di Quarrata e si svolge in collaborazione con Bcc e Mcl pistoiese, hanno aderito Caritas e Pastorale sociale della diocesi, Ceis e Agesci, Acli e Arci, Libera e due centri culturali quarratini (Agorà e don Dario Flori).

Con quasi il 5% del prodotto interno lordo (Pil), dopo Eni e Fiat il gioco d’azzardo rappresenta, in Italia, la terza industria come fatturato. Per il Dipartimento nazionale politiche antidroga in Italia 800 mila sono i giocatori patologici e 1,7 milioni quelli problematici.

Secondo dati dell’agenzia regionale di sanità (2011), oltre il 58% dei toscani risulta aver giocato d’azzardo almeno una volta nella vita con una età critica fra i 16 e i 18 anni (quasi tre maschi su quattro giocano almeno una volta).

Da notare come Pistoia, fra le Asl toscane, risulti quella con un maggior numero di ragazzi con gioco d’azzardo problematico.

Si parlerà anche della legge regionale sul “gioco d’azzardo consapevole”: una norma, da poco aggiornata con un regolamento attuativo, che vieta l’apertura di centri scommesse a meno di 500 metri da scuole e chiese prevedendo anche incentivi per quegli esercizi che accettano di rimuovere le slot.

[banchini]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento