hitachi rail. I CARC DI NAPOLI SCENDONO IN CAMPO PER L’UGL-PISTOIA

In un volantino si legge: «Solidarietà al sindacalista UGL Antonio Vittoria, colpito dalla repressione aziendale per aver difeso gli interessi dei lavoratori Hitachi Rail di Pistoia!»
Hitachi Pistoia. Il fallimento dei sindacati

 

NAPOLI-PISTOIA. Sembra incredibile, ma questa mattina i Carc hanno distribuito il volantino che segue ai lavoratori davanti ai cancelli dello stabilimento di Hitachi a Napoli in via Argine.

Nessuna aggiunta o commento: ognuno dia una lettura autonoma e ponderata e cerchi di capire il clima e le condizioni di lavoro all’interno di Hitachi Rail Pistoia.

Aggiungiamo solo che se fossimo il Comune, il prefetto, il Pd e i sindacati confederali di Pistoia saremmo preoccupati e più di un po’, anche se dobbiamo constatare con rammarico che alle istituzioni in generale la sorte dei lavoratori italiani sta a cuore quanto una sardina a un capodoglio.

Ecco il testo:

Solidarietà al sindacalista UGL Antonio Vittoria, colpito dalla repressione aziendale per aver difeso gli interessi dei lavoratori Hitachi Rail di Pistoia!

Antonio Vittoria

 

Da giorni i vertici aziendali dell’Hitachi Rail di Pistoia hanno demansionato il segretario del sindacato UGL, Antonio Vittoria. Questo atto repressivo è dovuto alla volontà di mettere a tacere chi ha avuto il coraggio di denunciare pubblicamente la situazione dei lavoratori Hitachi di Pistoia. I vertici Hitachi Rail stanno da tempo provando a instaurare in azienda un clima da caserma.

Sul sito on-line “linea libera”, con una lettera anonima, un gruppo di lavoratori impegnati in azienda da oltre 15 anni, hanno denunciato i continui infortuni nei reparti e gli atti intimidatori a cui sono sottoposti (per paura di ritorsioni sono stati costretti a scrivere la lettera in forma anonima).

Il Comitato “Ho-Chi Minh”, del nuovo Pci, ha sostenuto la lotta ed invitato i lavoratori ad organizzarsi in forma clandestina per fronteggiare il regime repressivo dell’azienda.

Per tutta risposta i sindacalisti conniventi con l’azienda si sono dissociati dal comunicato scritto dal Comitato Ho-Chi Minh. Così facendo si sono smascherati di fronte ai lavoratori: chi porta avanti gli interessi dell’azienda e chi quelli della classe lavoratrice?

Il sindacalista UGL Antonio Vittoria ha rifiutato, legittimamente, di dissociarsi dalle parole di sostegno alla loro lotta e per questo motivo è stato demansionato. Clima da caserma e repressione sono le misure alle quali sempre più spesso sono costretti a ricorrere i vertici aziendali per tentare di impedire alla classe operaia di organizzarsi (a prescindere dalle sigle sindacali) per mettere un freno agli effetti peggiori della crisi.

Nonostante l’azienda dica che dal 2015 ad oggi gli infortuni sono calati del 65% in realtà, a causa dell’ossessiva volontà di ridurre i tempi di attraversamento nelle fasi produttive, gli incidenti sono aumentati. Alla faccia del tanto sbandierato “Safety First”!

È proprio così o no?

Come la sezione di Pistoia del Partito dei CARC ha già dato solidarietà ad Antonio Vittoria e condiviso le preoccupazioni dei lavoratori Hitachi. Anche la sezione di Napoli Est del P.CARC oggi è a Via Argine per invitare gli operai ed i sindacalisti onesti ad esprimere solidarietà ad Antonio Vittoria, per organizzarsi!

Qual è oggi la situazione allo stabilimento di Via Argine? Come vi state preparando per evitare di fare la fine delle tante floride aziende (ad esempio Whirlpool, Embraco, ex ILVA)?

Per tutelare la sicurezza del posto di lavoro e delle condizioni di lavoro, la libertà di espressione e di organizzazione è necessario che i lavoratori formino proprie organizzazioni di fabbrica (al di là del sindacato di appartenenza di ognuno), che si coordinino con quelli di altre aziende e si leghino al contesto cittadino, facendo sapere alla città ciò che avviene in azienda. Così possono promuovere la mobilitazione e la solidarietà di altri settori, dei lavoratori autonomi e del pubblico impiego, dei disoccupati, dei pensionati e degli studenti del Friday for Future in lotta per la difesa dell’ambiente.

MERCOLEDÌ 11 DICEMBRE ore 18:30 presso la sede di VIA L. FRANCIOSA 199 (Ponticelli)
LETTURA PUBBLICA di RESISTENZA
“Difendere i posti di lavoro con ogni mezzo necessario”
Sezione V. Agnino di Napoli Est del Partito dei CARC
Contatti: facebook.com/carcnapliest Cell. 3397288505

[redazione@linealibera.info]

Vedi anche: hitachi rail. i carc: «pd, il partito che difende gli interessi dei padroni»


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email