«HO PARLATO ALLE PAROLE»

La presentazione del secondo libro di Luca Buonaguidi. In programma anche uno spazio musicale a cura di Elias Nardi
La locandina
La locandina

PISTOIA. Oggi sabato 7 giugno alle ore 18, presso Lo Spazio di via dell’ospizio, verrà presentato Ho parlato alle parole (Oèdipus 2014), secondo opera di Luca Buonaguidi. Al reading del libro si affiancherà la musica di Elias Nardi, oudista toscano (oud = liuto arabo) che con il terzetto e quartetto omonimo è artefice di due dischi con notevole successo di critica e numerose collaborazioni. Partecipa Giuseppe Grattacaso. Conduce l’incontro Lorenzo Mei.

Ho parlato alle parole (Oèdipus 2014) è la seconda opera di Luca Buonaguidi (Pistoia, 1987) e nasce da un verso di Vittorio Reta: “So che al mio silenzio non ho avuto risposta perché non miravo mai al centro”. Con copertina e edizione d’autore a cura del pittore belga Pol Bonduelle, l’autore segue il solco del dubbio di Franco Loi – “se io parlo non so chi è il parlare” – inaugurando un dialogo irriflesso con quel fantasma che ci cammina accanto, in una cronaca generosa di un avvicinamento al silenzio e al canto dentro il silenzio, ispirandosi al poeta e filosofo pistoiese Roberto Carifi e ad altri poeti con un legame forte con Pistoia come Emanuel Carnevali e Piero Bigongiari.

Luca Buonaguidi (Pistoia, 1987) ha pubblicato I giorni del vino e delle rose (2010, Fermenti), un suo racconto compare ne La sagra è vicina (2013, Beltempo). Laureato in Psicologia, scrive di cultura e società sul suo blog www.carusopascoski.com e per alcune riviste di musica, cinema e letteratura, è tra gli ideatori di Altrofest e tra i progetti in corso d’opera si segnala un saggio dal titolo Poesia e Psiche – L’enigma, la storia e l’incontro del mondo poetico con la psicologia, il diario di viaggio in versi India – Complice il silenzio e la biografia immaginale della band torinese Franti. Suoi testi si leggono e sono stati commentati su varie riviste di letteratura e poesia italiane (“Poesia”, “La poesia e lo spirito”, “Fermenti”, “L’Estroverso” ed atre).

Scrive per Comunità Provvisorie, KonSequenz, Impatto Sonoro, CineFatti, i.Ovo ed altre. Collabora con vari musicisti e artisti come paroliere, biografo, co-autore e per reading poetico/musicali. È ideatore e tra gli organizzatori di Altrofest, festival delle periferie urbane e umane con la partecipazione di Franco Loi, Maurizio Maggiani, Bobo Rondelli ed altri.

Elias Nardi nato a Pescia nel 1979. Approfondisce lo studio dell’Oud (liuto arabo) compiendo numerosi viaggi in tutto il Medioriente. Segue le lezioni del virtuoso palestinese Adel Salameh, sviluppando un personale approccio allo strumento se pur nel pieno rispetto della tradizione liutistica mediorientale, e grazie al contatto costante con musicisti arabi, ha assorbito, secondo l’antico metodo della tradizione orale, la tecnica del liuto e le conoscenze teoriche relative al sistema musicale arabo, lo spirito e il senso di una musica modale che si tramanda da secoli da maestro a discepolo.

Oltre a sviluppare la propria ricerca musicale e compositiva con il suo progetto “Elias Nardi Quartet” col quale svolge regolarmente l’attività concertistica in tutta Europa, ha suonato, registrato, collaborato tra gli altri con il contrabbassista Ares Tavolazzi; con l’organettista Riccardo Tesi e Banditaliana; con il virtuoso di NyckelHarpa Didier François, con il pianista Pino Jodice e la fisarmonicista Giuliana Soscia; con il cantautore Max Manfredi partecipando alle registrazioni del suo ultimo disco “Luna Persa” (Premio Tenco 2010); con il fiatista Edmondo Romano; con il virtuoso di Tar Azero Fakhraddin Gafarov; con il clarinettista Ermanno Librasi e il percussionista Zakaria Aouna nell’ Ensemble Sharg Uldusù; Riahi; con il TrioAmaro.

Il suo disco di esordio OrangeTree (Zdm 1006-2010) si è classificato 3° tra le migliori produzioni Etno/Folk/Revival al Premio Italiano della Musica Popolare Indipendente 2011 (Mei) e al n. 172 nella TOP 200 della World Music Chart of Europe.

Per info: Lo Spazio di via dell’Ospizio – via dell’Ospizio 26-28 – 51100 Pistoia. tel. 057321744. lo-spazio@libero.itwww.lospaziodiviadellospizio.sitiwebs.comhttps://www.facebook.com/events/68173521522535 8

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento