«HUMILIS INTER HUMILES, CUM FORTITUDINE IN SPE»

Il Vescovo alla Caritas con Piergiorgio Caselli. Alle spalle don Paolo Tofani e don Paolo Palazzi
Il Vescovo alla Caritas con Piergiorgio Caselli. Alle spalle don Paolo Tofani e don Paolo Palazzi

PISTOIA. Non abbiamo alcuna idea di convertirci. Siamo laici, convinti. Ma a Fausto Tardelli, nuovo vescovo di Pistoia, chiediamo, in nome delle Scritture che rappresenta, di adempiere, soprattutto, a due grandi principi. Evangelici: povertà e giustizia.

L’inizio, stando agli eventi, pare essere dei migliori, da parte del nuovo primo cittadino della difficile e contraddittoria chiesa pistoiese.

Monsignor Tardelli, infatti, che nel pomeriggio riceverà l’investitura ufficiale per la diocesi, si è presentato passando dall’ospedale e dal carcere prima, per poi andare a pranzo alla mensa dei poveri, con i poveri.

Sono due bei segnali, ma ci auguriamo, e laicamente glielo chiediamo a mani giunte, di farlo spesso; soprattutto lontano dai riflettori, che, nel caso, si allontaneranno progressivamente, se la cosa dovesse ripetersi con imbarazzante frequenza: perché non farebbe più notizia.

Il Vescovo e don Paolo Tofani
Il Vescovo e don Paolo Tofani, responsabile Caritas

Così come gli chiediamo – augurandoci che non si fidi mai di nessuno – di cercare solo e soltanto la via della giustizia e della verità, costi quel che costi. Anche la crocifissione.

Cosa, quest’ultima, che questa città ama chiedere spesso e volentieri a chi cerca la giustizia e la verità…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “«HUMILIS INTER HUMILES, CUM FORTITUDINE IN SPE»

  1. Questo Tofani è un prete o uno che è uscito da un campo di patate?
    Bel rispetto per la “gerarchia”! Se è quello che mette la bandiera della pace sopra l’altare, allora è chiaro tutto. Tadelli Monsignor Vescovo, cominci ad insegnare e pretendere la buona educazione dai suoi preti.

  2. Bonacchi, per piacere!
    Non facciamo i ridicoli ed i benpensanti da strapazzo. Penso che a Cristo, che alla fine è l’unico con il quale dobbiamo (indegnamente) misurarci, siano ben altre le cose che danno noia in questo mondo di sepolcri imbiancati, rispetto ad una bandiera della pace messa sull’altare; oppure ad un parroco non propriamente vestito all’ultima moda.
    Piero

Lascia un commento