“I CAVALIERI DI SANTO STEFANO” ALLA FORTEGUERRIANA

Anna Agostini
Anna Agostini

PISTOIA. Martedì 19 gennaio alle 16 nella sala Gatteschi della biblioteca Forteguerriana conversazione sul tema “I cavalieri di Santo Stefano”con Anna Agostini, studiosa di storia della Toscana moderna e autrice di un volume dedicato all’Ordine di Santo Stefano.

Incentrato sulla storia dell’Ordine militare creato da Cosimo I dei Medici nel 1561, l’appuntamento condotto da Anna Agostini mira a sottolineare il ruolo della marina stefaniana nella storia granducale, soffermandosi sulle principali vicende belliche che la videro protagonista, ma anche sulla sua organizzazione interna e soprattutto sul rapporto tra questo ordine militare e la città di Pistoia.

La nostra città ha infatti dato i natali a moltissimi cavalieri stefaniani, arrivando ad annoverare nei tre secoli di storia dell’ordine, ben quattrocentotrentanove militi e tra essi ben cinquantuno cavalieri appartenuti alla nobile famiglia degli Sozzifanti e conserva ancora numerosi riferimenti storici e artistici legati a questa milizia granducale.

Al termine della conferenza seguirà una visita guidata alla nuova sezione museale che la biblioteca Fabroniana ha dedicato all’Ordine di Santo Stefano, ricca di materiale documentario manoscritto e a stampa, di un interessante repertorio iconografico nonché di un originale modellino in scala della galera, l’imbarcazione principale della flotta stefaniana.

L’evento fa parte del ciclo “La Forteguerriana racconta Pistoia” e costituisce un’occasione di incontro tra due preziosi luoghi del patrimonio culturale pistoiese: biblioteca Forteguerriana e Fabroniana.

Elenco completo consultabile sul sito della biblioteca Forteguerriana: http://www.forteguerriana.comune.pistoia.it/assets/attivit/eventi/Forteguer.racconta2015-16.pdf

[comune pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento