IL 2022 SARÀ L’ANNO DELLA VARIANTE GENERALE URBANISTICA. IL SINDACO CALAMAI: “DISEGNEREMO INSIEME AI CITTADINI LA MONTEMURLO DEL 2030”

Conferenza stampa di fine anno a Montemurlo

Il sindaco Calamai ricorda Luana e i morti per Covid. Montemurlo una città sempre più bella e completa. Nel 2022 troveranno piena attuazione tutti i progetti legati al nuovo centro cittadino. Attenzione alla sicurezza idraulica con nuove casse di espansione e impianti di sollevamento. Nel Pnrr un nuovo asilo a Oste, un centro polifunzionale a Fornacelle e la Casa della Comunità. Il desiderio per il nuovo anno è solo uno: uscire dalla pandemia

MONTEMURLO. A Montemurlo la conferenza stampa di fine anno è stata l’occasione per il sindaco Simone Calamai e per la sua giunta di fare il bilancio sull’attività del 2021 e per indicare le priorità del 2022. Guardando al nuovo anno e, ancora oltre, al prossimo futuro, gli obbiettivi della giunta Calamai sono tutti contenuti in un unico strumento la “Variante generale urbanistica al piano strutturale e operativo”, che conterrà progetti e idee per continuare a crescere, coniugando sviluppo e servizi, come spiega il sindaco Simone Calamai: «Uno strumento urbanistico importante per poter disegnare e progettare insieme ai cittadini la Montemurlo del 2030. Una città sempre più bella, compiuta e completa che guarda al futuro con una visione chiara, che mette insieme servizi ai cittadini e sviluppo economico».

Intanto, con il nuovo anno arriveranno a compimento tutti i progetti contenuti nel “nuovo centro cittadino M+M”, dal grande parco urbano, all’asilo nido di Morecci, alla passerella ciclopedonale sull’Agna. Su Oste, invece, partiranno i lavori di “rigenerazione urbana” della “Fabbrica Rossa” con la completa riqualificazione del centro della frazione con l’ampliamento delle funzioni sociali e culturali.

E’ stata ricordata Luana D’Orazio

Volgendo lo sguardo al passato, invece, sono tre le parole che sintetizzano l’attività dell’amministrazione comunale di questo 2021: fiducia, sostegni, servizi.

Il 2021 è stato l’anno della rinascita, della ripartenza, di una rinnovata speranza e fiducia nel futuro dopo un 2020 davvero difficile. Anche se i contagi sono in preoccupante ripresa, grazie ai vaccini la situazione negli ultimi mesi è migliorata e l’economia è ripartita. Di questo 2021 restano, però, due grandi ferite aperte: i quaranta montemurlesi deceduti a causa del Covid dall’inizio dell’emergenza, ai quali l’amministrazione ha dedicato un albero di ciliegio sulla rotatoria tra via Rosselli e via Carducci, e la morte sul lavoro, lo scorso 3 maggio, di Luana D’Orazio.

«Di lavoro non si può morire. — dice il sindaco Simone Calamai — Luana, suo malgrado, è diventata il simbolo di tutte le morti bianche del nostro Paese. Su questo fronte non ci fermiamo. In nome di Luana, ma anche di Sabri e Giuseppe (gli altri morti pratesi sul lavoro) continueremo a chiedere maggiori controlli e tutele sul posto di lavoro».

A Montemurlo il 2021 è stato anche l’anno dei sostegni verso tutte le fasce di popolazione — soprattutto quelle più fragili —che hanno subito le conseguenze della pandemia. Sono triplicate le risorse messe in campo dall’amministrazione comunale sul fronte sociale (ad esempio, per il sostegno al pagamento del canone di locazione).

Il 2021 si è aperto con il bando da 300 mila euro per sostenere tutte le attività che, a causa del Covid, erano state costrette a rimanere chiuse o comunque a ridurre la propria attività e si chiude con una nuova misura di vicinanza e aiuto a tutti i lavoratori dipendenti che hanno perso molte giornate di lavoro o sono stati licenziati a causa delle conseguenze economiche della pandemia con un bando da 50 mila euro.

I sostegni a Montemurlo si sono anche tradotti in cinque distribuzioni di buoni spesa e di bonus affitti e bollette per un valore complessivo di oltre 350 mila euro. Il Comune è andato incontro alle famiglie e alle imprese, provate dalla pandemia, anche attraverso l’impegno a mantenere invariate tariffe e tributi.

La Tari, tassa sui rifiuti anzi, è scesa del 2,5% e la parte variabile della tariffa per le imprese colpite dalle conseguenze della pandemia, è stata azzerata. «È stato un anno difficile e tutti noi avevamo bisogno di segnali per ripartire per ritrovare fiducia nel futuro — aggiunge il sindaco Calamai — per questo, come amministrazione comunale, abbiamo ritenuto importante dare dei segnali tangibili di vicinanza ai cittadini: riduzione della Tari, contributi alle aziende e ai lavoratori».

L’altra declinazione dell’impegno del Comune di Montemurlo sul fronte dei sostegni si chiama “investimento in servizi”. Nel 2021 sono partiti lo sportello “Orientagiovani” per l’orientamento e il sostegno nella ricerca di lavoro e “Altrabilità” per l’inclusione delle persone con disabilità. Nella scuola sono stati, invece, riconfermati, anzi rafforzati, i progetti per l’inclusione degli studenti dsa e per l’insegnamento della Lis a due classi della scuola dell’’nfanzia per favorire l’inserimento di bambini sordi.

Il palazzo comunale di Montemurlo

PIANO RIPRESA E RESILIENZA (PNRR) – Il Comune di Montemurlo ha presentato importanti progetti attraverso i quali intercettare i fondi del Pnrr. Si tratta di un nuovo asilo nido per Oste, di un centro polifunzionale per famiglie da realizzare a Fornacelle e di una serie di interventi di efficientamento energetico e manutenzione sulle case popolari attualmente presenti a Montemurlo. Sempre sul fronte dell’emergenza abitativa l’amministrazione comunale ha messo a disposizione l’area di via Milano, dove su un’area di mille metri quadrati potrà sorgere un nuovo immobile di edilizia popolare.

Infine, l’amministrazione comunale sta lavorando con la Regione per far nascere a Montemurlo una “Casa della Comunità” attraverso la quale aumentare l’offerta di servizi socio-sanitari per i cittadini.

SICUREZZA IDRAULICA – L’impegno dell’amministrazione comunale sul fronte della sicurezza idraulica in questi anni non si è mai fermato. Nel 2021 è stata collaudata ed è diventata pienamente operativa la cassa d’espansione di Selvavecchia. Un’opera di grande importanza per mitigare il rischio idraulico su Oste.

L’impegno sul versante della sicurezza del territorio continuerà anche nel 2022. Sono in programma la realizzazione della seconda cassa d’espansione sul torrente Meldancione e due nuovi impianti di sollevamento in via Parugiano di Sotto e sul torrente Agnaccino. Queste due infrastrutture andranno a togliere acque meteoriche dalle fognature e contribuiranno così alla sicurezza idraulica della frazione di Oste. Con il nuovo anno partiranno anche i lavori di messa in sicurezza della seconda frana presente sulla via di Cicignano che sarà sistemata definitivamente.

EFFICIENTAMENTO ENERGETICO – «Sul piano della sostenibilità ambientale l’amministrazione comunale vuole fare la sua parte e dare il buon esempio», spiega così il sindaco Calamai l’impegno della sua amministrazione a favore dell’ambiente. Nel 2021 tutta la pubblicazione illuminazione di Montemurlo è stata convertita a led. Sono state inoltre installate tre le colonnine per la ricarica delle auto elettriche ed è stato rifinanziato il bando per l’acquisto di veicoli elettrici.

Per il futuro, le azioni in programma per il 2022 sono il relamping delle scuole primarie dell’infanzia di Bagnolo e Montemurlo con la sostituzione delle vecchie lampade con luci a led, non solo in grado di ridurre i consumi, ma anche di garantire il “comfort visivo” all’interno delle aule.

Infine, il desiderio da mettere sotto l’albero di Natale per il sindaco Calamai è solo uno: «poter uscire dalla pandemia e tornare a vivere la nostra vita quotidiana in sicurezza e libertà».

ASSESSORI — Il vice sindaco e assessore alla promozione del territorio, Giuseppe Forastiero ha annunciato che il 2022 sarà l’anno dei cammini con l’inaugurazione dell’anello di sentieri tematici sulla collina montemurlese. L’assessore alla pubblica istruzione, Antonella Baiano, ha chiuso il 2021 con un giro negli asili nido comunali e nelle scuole dell’istituto “Margherita Hack”, dove ha consegnato oltre 300 libri, donati dal Comune di Montemurlo, per arricchire le biblioteche scolastiche.

Il nuovo anno porterà anche il completo rinnovamento dei giardini “Erasmo Meoni di via Micca a Bagnolo, come ha sottolineato l’assessore al verde pubblico e ambiente, Alberto Vignoli. Buone notizie anche sul fronte dei rifiuti. La nuova recinzione al centro di raccolta di via Puccini ha di fatto azzerato gli abbandoni di fronte alle bocchette dell isola ecologica.

Sul fronte della legalità, l’assessore alla polizia municipale, Valentina Vespi, ha ricordato che grazie ai controlli interforze messi in atto con regolarità sul territorio è emerso il problema della promiscuità tra gli ambienti lavorativi e abitativi, contro il quale l’amministrazione sta lottando da anni a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Andrà avanti anche nel 2022 il progetto equità, promosso dal Comune con Sori, per il recupero dei tributi comunali non versati, mentre è partito con il piede giusto il servizio della polizia di prossimità, che sta incontrando la fiducia di molti cittadini su tutto il territorio.

Infine, sul fronte delle politiche sociali, come ha spiegato l’assessore Alberto Fanti, sono 560 le persone prese in carico dai servizi sociali, in aumento rispetto al passato. Persone che hanno pagato le conseguenze della pandemia, magari per la perdita del lavoro o per problemi di salute e che sono seguite dal Comune con percorsi di accompagnamento e sostegno economico. Infine sono 230 le domande pervenute sull’ultimo bando per la distribuzione dei buoni spesa, segno che c’è ancora tanto bisogno di aiuto in questo momento di difficoltà.

[comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email